iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Odd Dimension – The Last Embrace Of Humanity

Quando si ha la fortuna di poter ascoltare album di questa levatura, qualsiasi considerazione che si possa fare sull’originalità della proposta o sul fatto che la band sia accostabile a questi piuttosto che a quelli, lascia, francamente, il tempo che trova.

Odd Dimension – The Last Embrace Of Humanity

Se è vero che gli Odd Dimension, con questa loro seconda fatica su lunga distanza, pagano dazio ai numi tutelari del prog metal, ciò che resta sul piatto alla fine è un lavoro di rara bellezza, in alcuni tratti addirittura esaltante, aspetto che non mi pare affatto irrilevante.
Un brano come The Unknown King mostra una band che, per fortuna, predilige l’impatto melodico allo sterile tecnicismo; un pianoforte da brividi, unito alla prestazione vocale maiuscola (costante dell’intero disco) da parte di Manuel Candiotto, conduce a Under My Creed che, se vogliamo, conferma il sospetto che la fonte di ispirazione per la band alessandrina, piuttosto che gli inflazionati Dream Theater, siano invece i Symphony X. It’s Too Late vede il contributo vocale del grande Michele Luppi, e in qualche modo il brano pare adattarsi alle caratteristiche dell’illustre ospite apparendo decisamente più melodico e d’impatto immediato rispetto al resto dell’album, fatta eccezione per la successiva Another Time, che non risulta certo da meno in questo senso, essendo ingentilita, per di più, da una voce femminile.
Non è certo un caso se questi due brani, decisamente validi per quanto dall’ elevato “tasso glicemico”, mostrino coordinate piuttosto vicine a quanto esibito alla grande, pochi mesi fa, dai concittadini Secret Sphere, vista anche la comune appartenenza alle due band del bassista Federico Pennazzato e del tastierista Gabriele Ciaccia.
Fortune And Pain riporta The Last Embrace Of Humanity su coordinate più robuste e lo fa nel miglior modo possibile, raggiungendo la probabile vetta qualitativa del disco, grazie a melodie chitarristiche dal grande impatto emotivo.
La chiusura dell’album è affidata un altro brano impeccabile come Far From Desire che suggella un lavoro imperdibile per chi apprezza il versante più emozionale del prog metal; un dovuto plauso va anche alla Scarlet che, grazie a un roster di primissimo livello, sta riscrivendo la storia dell’heavy metal tricolore (e forse non solo).

Tracklist :
1. The Unknown King
2. Under My Creed
3. Dissolving into the Void
4. It’s So Late
5. Another Time
6. Fortune and Pain
7. The New Line of Times
8. Far From Desire

Line-up :
Gabriele Ciaccia – Keyboards
Gigi Andreone – Bass
Federico Pennazzato – Drums
Gianmaria Saddi – Guitars
Manuel Candiotto – Vocals

ODD DIMENSION – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.