iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Nucleus Torn – Street Lights Fail

Un lavoro indubbiamente difficile ma di indiscutibile pregio, a conferma di una caratteristica che quasi sempre accomuna le uscite targate Prophecy.

Nucleus Torn – Street Lights Fail

Gli svizzeri Nucleus Torn sono una band atipica, di quelle che si trovano nei database dedicati al metal pur non essendo propriamente dediti a un suo particolare sottogenere.

In questo quinto album in quasi tre lustri d’attività del gruppo guidato dal polistrumentista Fredy Schnyder, il collegamento con il mondo metallico è sicuramente fornito più dalla presenza in line-up di Anna Murphy, vocalist dei ben noti Eluveitie, che non da qualche frammento, specie nella seconda traccia, nel corso del quale la chitarra si lascia andare ad alcuni  robusti riff.
Street Lights Fail è un lavoro di complessa fruizione, in quanto non c’è quasi mai, di fatto, la ricerca di facili melodie e, anche quando queste riescono a fare capolino, vengono sovrastate da una vena sperimentale fortunatamente tutt’altro che sterile.
Nel primo e  bizzarramente privo di titolo, dei tre lunghi brani che compongono l’album, le atmosfere soffuse e la particolare voce di Anna, vera protagonista del lavoro, portano i Nucleus Torn a lambire molto spesso territori vicini agli Antimatter di “Saviour”, ma il vero colpo di classe degli elvetici è rappresentato dal secondo e lunghissimo brano, Worms , nel quale trovano sfogo le doti compositive di un musicista dall’indubbia caratura quale si dimostra Schnyder.
I Nucleus Torn, nell’occasione, si districano con maestria tra le intricate partiture nelle quali, ovviamente, sono gli strumenti classici a fare la parte del leone, con la Murphy ad impreziosire il tutto grazie un’interpretazione sublime, dimostrandosi a proprio agio in un contesto oggettivamente ben più complesso di quanto richiesto dalle atmosfere folkeggianti degli Eluveitie.
La traccia di chiusura, The Promise of Night , si rivela quella maggiormente intrisa di una vena sperimentale, ed occorrono diversi minuti prima che suoni quasi impercettibili assumano le sembianze di melodie compiute per quanto eteree, sempre sorrette dalla voce della cantante e dalla prestazione impeccabile da parte di questo ottimo ensemble musicale..
Un lavoro indubbiamente difficile ma di indiscutibile pregio, a conferma di una caratteristica che quasi sempre accomuna le uscite targate Prophecy.

Tracklist:
1. –
2. Worms
3. The Promise of Night

Line-up:
Rebecca Hagmann – Cello
Christoph Steiner – Drums, Percussion
Anouk Hiedl – Flute
Christine Schüpbach-Käser – Violin
Patrick Schaad – Vocals
Fredy Schnyder – Bagpipes, Bass, Church Organ, Grand Piano, Guitars, Hammered Dulcimer, Irish Bouzouki, Anna Murphy – Vocals

NUCLEUS TORN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico