iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Not Moving – Flash On You

L'ultimo splendido disco di uno dei più grandi gruppi rock italiani degli anni '80 finalmente ristampato

Not Moving – Flash On You

Parafrasando Mario Capanna potrei dire: Formidabili quegli anni se vi va. Eh già perché nel 1988, data d’uscita di questo album, diventavo maggiorenne ed avevo un’urgenza di vivere che avrebbe appianato una montagna; ero da alcuni anni alla ricerca di qualcosa di elettrizzante da ascoltare e, ad essere sincero, non facevo certo fatica a trovarlo.

Erano anni di grande salute per il rock italiano, i nomi che andavano per la maggiore erano Cccp, Litfiba e Diaframma gruppi che certo non mi dispiacevano, ma le mie band preferite erano i Not Moving ed i Sick Rose. Comprai questo disco per corrispondenza, allora dalle mie parti certe cose non arrivavano, e lo trovai subito molto bello. Da quel, ahimè, lontano giorno sono passati alcuni annetti (decenni) e Flash On You è passato sul mio giradischi parecchie volte tanto da entrare nel novero dei miei dischi preferiti di quel periodo. Ora, a distanza di ventotto anni dalla sua uscita, ci pensano i sempre solerti ragazzi di Area Pirata a ristamparlo, sia in cd che in una magniloquente versione vinilica, ed io mi ritrovo ad ascoltarlo come se fosse un disco nuovo e comprendo perché tanto mi piacque allora, si tratta infatti di un album che a così tanta distanza dalla sua data di pubblicazione riesce ancora a sorprendermi ed esaltarmi. Vi faccio un piccolo esempio per tentare di farmi capire da chi non lo avesse mai ascoltato; ci sono tre canzoni (quasi) successive che segnano la grandezza della band: la prima è Dog Day un brano praticamente “pop”, si potrebbe addirittura (non fustigatemi) considerarlo una party song alla Fleshtones, la seconda è Sweet Beat Angel, un brano al contrario molto cupo e dark che potrebbe ricordare le cose migliori di Siouxsie and the Banshees o la Nico solista meno isolazionista ed il terzo è Stupid Girl, una canzone punk ma ben attenta alle cosiddette radici tanto da rimandare ai magnifici X della coppia Doe/Cervenka, un gruppo quest’ultimo che è sempre stato una grande influenza per i Not Moving. Ma nulla vi farà capire quanto cose si celano fra i solchi di questo album se non ascoltandolo direttamente e, visto che questa ristampa ve ne dà la possibilità, non potete non farlo. Nella nostra fanzine si è soliti dare un voto ad ogni album recensito, ed anche se questa usanza non è mai stata di mio gradimento neanche in questo caso mi sottrarrò al mio dovere: se dieci mi sento di poterlo dare ad assai pochi dischi usciti nell’intera storia del rock’n’roll, il mio voto per Flash On You è quello che potete leggere in alto a destra nel cerchio grande.

P.S.: Quasi mi dimenticavo di dirvi che facendo vostro questo album nelle versione cd troverete anche tre brani totalmente inediti.

1) Drivers’s Seat
2) Looking for a vision
3) Dog Day
4) Sweet Beat Angel
5) I Stopped Yawning
6) Stupid Girl
7) Bluesing
8) Love Train
9) A pray for Jimy
10) Sad Country
11) Fool in the Jungle
12) Honey and Flies

LINE-UP
Rita “Lilith” Oberti – Voce
Domenico “Dome la Muerte” Petrosino- Chitarra
Antonio “Tony Face” Bacciocchi – Batteria
Mariella “Severine” Rocchetta – Tastiera
Luigi “Betty Blue” Milani – Basso

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Mourning After - Lately / Quit Bazar 7"

The Mourning After – Lately / Quit Bazar 7″

Pronti alla bisogna per assolvere nel migliore dei modi tale irrinunciabile esigenza ecco qui per me e per noi tutti, direttamente da quel di Sheffield, i veterani e collaudatissimi Mourning After ed il loro 7″ licenziato in questi giorni dalla Rogue Records.

Nico Plescia - Cecilia's Lullaby

Nico Plescia – Cecilia’s Lullaby

Una canzone che ricorda le filastrocche dei They Might Be Giants, sia pur essendo assai meno sghemba dei componimenti proposti dal duo americano, ma suonata con l’approccio di un Robyn Hitchcock.