Nero Di Marte – Nero Di Marte

Nero Di Marte - Nero Di Marte 1 - fanzine

Nero Di Marte – Nero Di Marte

Condividi:
Share

I Murder Therapy concludono la loro parabola artistica portando a completamento la mutazione, in primis abbandonando il death degli esordi per approdare a sonorità più sperimentali e progressive (nell’accezione più vera del termine) e, infine, cambiando il monicker in Nero Di Marte; scelta azzeccata questa, sia per l’originalità che per la totale corrispondenza del colore citato con le tonalità plumbee che contraddistinguono questa nuova veste della band bolognese.

Attenzione: l’etichetta che talvolta le viene associata potrebbe ingenerare non pochi equivoci, leggi progressive metal e immediatamente pensi al virtuoso onanismo strumentale di Dream Theater e co. mentre quest’album autointitolato non potrebbe essere più lontano da certe fonti di ispirazione; semmai si potrebbero considerare i Nero Di Marte come un mostruoso leviatano frutto indesiderato di rapporti promiscui e non protetti tra Meshuggah, Neurosis, primi Mastodon, forse anche Tool, poi chi più ne ha più ne metta.
La cosa importante è che il quartetto emiliano, alla fine, mette sul piatto un sound personale così straniante e privo di misericordia per l’ascoltatore che, qualsiasi tentativo più o meno logico di abbozzare un paragone attendibile, va inevitabilmente a farsi fottere.
In Nero Di Marte ogni barlume di luce viene oscurato da un suono caliginoso e denso, ispirato e interpretato in maniera superlativa da quattro giovani musicisti che andrebbero messi sotto una campana di vetro per preservarli negli anni a venire.
Le rare concessioni a linee melodiche più accessibili vengono accolte come l’ultima boccata di ossigeno in una stanza invasa dal fumo, e come questa forniscono un’illusoria quanto fugace euforia che prelude a una fine ineluttabile.
I quasi cinquanta minuti di questo lavoro vanno assimilati come fossero un corpo unico, la suddivisione in brani alla fine è un qualcosa di relativo (ma la magnifica Resilient merita comunque una menzione d’onore) e anche se, quando si arriva alla fine, ci si sente come in quei sogni nei quali si tenta invano di correre restando invece piantati sul posto, la componente sado-masochistica della nostra psiche prende il sopravvento su qualsiasi meccanismo di preservazione, facendo ripartite Nero Di Marte daccapo.
Sconsigliato a chi vorrebbe ascoltare solo melodie facilmente assimilabili, indicatissimo per chi ricerca sonorità cupe,dissonanti, dall’elevato tasso tecnico ma ugualmente coinvolgenti.
Gran disco, e la sensazione è che questo sia solo l’inizio …

Tracklist :
1. Convergence
2. Time Dissolves
3. Resilient
4. Nero di Marte
5. Drawn Back
6. Anoptikon

Line-up :
Andrea Burgio Bass
Marco Bolognini Drums
Francesco D’Adamo Guitars
Sean Worrell Guitars, Vocals

NERO DI MARTE – pagina Facebook

Condividi:
Share
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.