iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Nekkar – Nekkar

Nekkar è una stella (una cosiddetta gigante gialla) rintracciabile alla nostra vista nella costellazione di Boote. Auguriamo alla giovane band ateniese che ha optato per questo monicker di riuscire in un prossimo futuro nella non facile impresa di brillare con la stessa intensità di luce propria. Per ora quest’obiettivo è ancora ragionevolmente lontano anche se questo esordio autoprodotto fa intravedere cose piuttosto interessanti.

Nekkar – Nekkar

I sei brani che compongono questo album autointitolato si snodano all’insegna di un death-doom alla costante ricerca di passaggi malinconici nei quali lo strumento principale non è la chitarra e neppure la tastiera, bensì il sax. Una scelta coraggiosa che, in più frangenti, si rivela azzeccata conferendo al sound dei Nekkar quella peculiarità altrimenti difficilmente rinvenibile nella maggior parte delle uscite di stampo analogo. Chiaramente non è così semplice abituarsi a uno strumento che nel death-doom, a mia memoria, non è mai stato utilizzato con queste modalità, soprattutto perché in tale contesto il sax non ha una funzione di semplice supporto ma riveste, semmai, quella di condurre le melodie dei brani nei momenti di maggior pathos. Qualcosa da sistemare ovviamente c’è ancora, a partire da una registrazione che non sempre lega in maniera ottimale lo strumento a fiato con quelli a corda, senza dimenticare mai, però, che qui siamo alle prese con un’autoproduzione. Solemn Mind e Uncomfortable Silence, dove appare in veste di illustre ospite niente meno che Sakis dei Rotting Christ, sono gli episodi migliori di un disco che, pur tra qualche imperfezione, lascia più di una sensazione positiva. Appuntamento, quindi, al prossimo full-length per verificare l’effettiva consistenza e gli eventuali correttivi apportati al proprio sound da parte dei promettenti Nekkar.

Tracklist :
1. In Your Absence
2. This Ordeal
3. Uncomfortable Silence
4. Bridge
5. Distorted Birth
6. Solemn Mind

Line-up :
Nodas – Bass
Efthimis – Drums
Kostis – Guitars
Giannis – Guitars, Vocals
Thomas – Saxophone

NEKKAR – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sutratma – Images Beyond the Self / Realms of Eternal Immolation

La particolare scelta operata dai Sutratma ci consente di ascoltare circa un’ora e quaranta minuti di ottimo funeral doom atmosferico, composto con grande competenza, sempre con un occhio molto attento a un’idea di forma canzone che non è così scontata in questo sottogenere e, soprattutto, con un’importante componente melodica che rende molto più semplice l’assimilazione di tutti i brani, anche quelli di maggiore estensione.

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.