iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Negative Voice – Infinite Dissonance

Negative Voice, prendete nota di questo nome per il futuro, senza dimenticare però un presente già degno della massima attenzione .

Negative Voice – Infinite Dissonance

Nel mio periodico virtuale giro del modo alla ricerca di perle nascoste e presumibilmente destinate a restare tali, questa volta la band portata alla luce proviene dalla Russia e il suo nome è Negative Voice.

Le notizie rinvenibili in rete non è che siano molte e l’unica fonte attendibile, la solita Encyclopaedia Metallum, ci fa sapere che i nostri sono attivi da oltre un decennio e che, dopo la canonica serie di demo dati alle stampe, Infinite Dissonance è il loro primo full-length, rigorosamente autoprodotto.
Benché vengano presentati come band dedita ad un black metal melodico, in realtà il genere musicale proposto dai Negative Voice è un robusto death-doom dai tratti malinconici che, a livello di similitudini, potrebbe essere accostabile ai Daylight Dies o anche ai nostri Valkiria.
Perché dovrebbe valere la pena di dedicare una cinquantina di minuti all’ascolto di una band misconosciuta ? Bè, la risposta è semplice : Infinite Dissonance possiede diversi momenti realmente di grande valore che fanno intravedere le enormi potenzialità della band russa. Due tracce su tutte: Euphoria From Being Depressed e la conclusiva Rejection, che possiedono passaggi chitarristici dall’elevato tasso emotivo , non riscontrabili così facilmente altrove; il resto si attesta comunque su un buon livello, senza tralasciare puntate su lidi differenti, come nella più eclettica Idealistic, ma in generale il non viene mai meno il feeling oscuro e malinconico che è la caratteristica peculiare di un disco death-doom pienamente riuscito.
Negative Voice, prendete nota di questo nome per il futuro, senza dimenticare però un presente già degno della massima attenzione .

Tracklist:
1. Dissonance
2. Grey Pools Heaven
3. Idealistic
4. Insane Blossoming
5. Into Oblivion
6. Euphoria from Being Depressed
7. Remission Time
8. Rejection

Line-up :
Konstantin P. – Drums
Obscurus – Guitars, Vocals
Eugeniy L. – Guitars, Bass, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.