Napalm Storm – Harmless Cruelty

Il migliore disco thrash degli ultimi tempi

Napalm Storm – Harmless Cruelty

Mentre il mercato discografico di settore in questi anni ha praticamente ignorato il thrash, considerando il genere ormai morto e ricordandosene solo nel caso di nuove uscite da parte delle solite band che, Testament e Death Angel a parte, ultimamente sfornano dischi dove del genere rimane ben poco, nell’underground la fiamma brucia ancora e imperterrite, molte band più o meno valide continuano a nascere e a produrre album, alcuni autoprodotti, altri invece sotto l’ala di etichette come la WormHoleDeath.

Gli spagnoli Napalm Storm, sono una di queste e, dopo un Ep all’attivo, firmano per l’etichetta nostrana e raggiungono il traguardo dell’esordio discografico intitolato Harmless Cruelty.
Il loro thrash, influenzato dal sound americano di un paio di decenni fa, convince dal primo ascolto: i brani tutti tirati non concedono nulla a contaminazioni varie, vanno sparati lungo la strada intrapresa dai maestri del genere ed il risultato piacerà e non poco ai fans del genere.
Gran lavoro di batteria (Alejandro Duarte) e delle due sei corde, suonate a velocità supersoniche da Fernando Tovar e Michal Kacprzak, non da meno Carlos Tello, bassista e cantante dal tono aggressivo, che a tratti sconfina nel growl, indurendo se ancora non bastasse la release.
L’album si apre con un’intro, per partire poi a bomba con una decina di brani terremotanti, dove compaiono a tratti le loro maggiori influenze, dai primissimi Metallica, a Sepultura e Slayer, aiutati da una ottima produzione e dal mixaggio di Tom Waltz in quel di Boston.
Brani come Legions Of Death, Bohemian Reunion, Slaves Of Divinity, Dynasty Of Tyrants, la superba Erase Steps, sono lodi al dio thrash, suonate con una potenza ed una convinzione annichilente.
Il disco thrash migliore che mi sia capitato di sentire negli ultimi tempi, bravi i Napalm Storm e grandi ancora una volta i ragazzi della WormHoleDeath per aver puntato sulla band spagnola.

Tracklist:
1.Flagellum Dei
2.Legions Of The Damned
3.Bohemian Reunion
4.Betrayer
5.Slaves Of Divinity
6.Fuck The System
7.Fearcracy
8.Dynasty Of Tyrants
9.Napalm Attack
10.Erased Steps
11.Harmless Cruelty

Alejandro Duarte – drums
Fernando Tovar – guitars
Michal Kacprzak – guitars
Carlos Tello – bass, vocals

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacità compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese Pigmé Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: