Nails & Castles – Nails & Castles

Nails & Castles – Nails & Castles

Un ep ben confezionato che si lascia ascoltare con gusto

Mark Nails e Steven Castles (Nails & Castles), duo milanese attivo da un paio di anni, debuttano sulla media distanza con sei brani e una cover. L’ep, autoprodotto e privo di titolo, si compone di interessanti sonorità in equilibrio fra pop, new wave e punk, facendosi notare per l’insolita scelta di abolire completamente l’uso della chitarra, in favore di batteria, basso e contrabbasso.

L’andamento dritto e determinato di The House, trasformandosi pian piano in un brano dalle tinte funky, apre all’animo intimo e delicato della pacata ed estiva OOTO Forever.
Il galleggiare nell’immensità dello spazio di The North Pole, emozionando con le sue atmosfere e le sue linee melodiche, lascia che a seguire sia il sinuoso pop raffinato di Dr. Feelgood e di Alone.
Il fitto intreccio ritmico di Brighter Than A Sun, infine, sbrogliandosi durante il suo procedere, lascia che a chiudere sia la riuscita e piacevole cover di A Forest (The Cure).

L’esordio dei Nails & Castles sorprende positivamente sotto diversi punti di vista: piace molto la scelta di affidarsi a una strumentazione abbastanza inusuale (conciliare basso e contrabbasso nello stesso brano non è facile); convincono le scelte melodiche e lo sviluppo dei singoli brani; la personalità del duo emerge in maniera chiara. Un ep ben confezionato che si lascia ascoltare con gusto. Unica pecca, la parte grafica è terribile.

TRACKLIST
01. The House
02. OOTO Forever
03. The North Pole
04. Dr. Feelgood
05. Alone
06. Brighter Than A Star
07. A Forest (The Cure)

LINE-UP
Mark Nails
Steven Castles

NAILS & CASTLES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.