iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Mulbö – Mulbö

Tra sistole e diastole

Mulbö – Mulbö

L’arte della fuga si allontana spesso in luoghi inesplorati, nei cui echi distorti si percepisce una vaga idea, neppure troppo rispondente alla loro fonte originaria.

Siamo in dolby surround con un altro Disco del Minollo, etichetta di qualità, che in veste Mulbö regala una massiccia dose di impro radicale poi riorganizzata.
Sarebbe scorretto dirlo, quindi sarà solo un’opinione personale: questo progetto noise partorito e battezzato olisticamente da Eros Giuggia, suona meglio di un disco dei Fasti.
Il primo motivo è palese, anche se non scontato: l’avventura sonora ci porta davvero a correre lontano dalla stasi quotidiana, soverchiando il terrore di rimanere incastrati. Nessun testo serve a complementare il ritmo, a volte tribale (Humbaba) e spesso atavico (Szen ji) che giunge in più apici concentrici. Se riascoltato bene più volte come prova del nove, ogni traccia sarà protagonista di ogni diverso ascolto (i transiti planetari nelle rispettive case possono dare un audace consiglio interpretativo). In secondo luogo, senza fare paragoni azzardati, essendo una costola di un gran gruppo, comunque Mulbö conserva la stessa e sola scintilla dell’universo Fasti, meno programmato e più immediato. Ci sono diverse potenziali hit: Noun è solo un preludio alla “catchy” Thallium case, ricordandoci i bei tempi e i ritmi alla One Dimensional Man. Il sax enuncia, teorizza e impone consigli per ogni situazione e assieme alla formazione originale (un altro sano e indubbio paragone ai Fasti in cui due bassi regnano) composta da Alessandro Baudino (basso I) e Fabio Dono (basso II, contrabbasso e synth) si ritrova in quello che la vera arte della fuga sa regalare : la gioia “macchiavellica” del canone.
Il disco è in uscita digitale l’11 Dicembre. Bravi ragazzi, Buon lavoro, anche grazie alla presenza di Tino Paratore e del suo “Cerchio Perfetto”; mastering a cura, invece, di Gianluca Patrito.

TRACKLIST
1-Humbaba
2-Noun
3-kobe
4-marno edwin
5-Thallium case
6-szen ji
7-xagalka
8-reamut

LINE-UP
Eros Giuggia : chitarre, sax
Alessandro Baudino : Basso, Drones
Fabio Dono Basso, contrabbasso, synth
Claudio Coclica : Batteria, batteria elettronica,voci

MULBO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee