iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Monte Nero – Chrome Ep

Una band molto promettente

Monte Nero – Chrome Ep

I bergamaschi Monte Nero, power trio composto da Matteo Perego, Stefano Locatelli e Paolo Colleoni (tutti musicisti già membri di altre band: In The Howling Storm, Lana, Gea, Spread), debuttano sulla breve distanza con i sei brani di Chrome, ep costruito su sonorità stoner/grunge/psichedeliche e in uscita per Goddess Recordings.

L’iniziale Green Stoned, introdotta dai colpi di batteria, si inoltra in affascinanti sequenze di chitarra, mostrando poi un cantato lento e cadenzato che ricorda gli Alice In Chains, mentre gli echi grunge di Blue Cyanide, sviluppandosi su melodie distorte che acquistano sempre più orecchiabilità, apre allo strumentale (guidato da chitarra e basso) di In Death Of Mr. Brown.
Il furoreggiare di Purple, invece, tra ritornelli non immediati e un finale energico fino all’ultimo secondo, introduce il cuore latineggiante e acustico di Yellowsy e le ariose aperture della calda ed elaborata Schwarz.

Con questo primo lavoro i Monte Nero mettono bene in chiaro qual è il mondo sonoro entro cui intendono muoversi. Il riuscito impasto di stoner, grunge e psichedelia proposto in questi sei brani, pur mostrando in alcuni casi di non essere ancora al massimo della sua forma, convince e lascia ben sperare per il futuro. Una band molto promettente.

Tracklist:
01. Green Stoned
02. Blue Cyanide
03. In Death Of Mr. Brown
04. Purple
05. Yellowsy
06. Schwarz

MONTE NERO – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90