The Monkey Weather – The Hodja’s Hook

The Monkey Weather – The Hodja’s Hook

Le melodie sono tutte dei bei ganci senza che ci sia una spasmodica ed ansiogena ricerca del ritornello perfetto

Secondo disco per i The Monkey Weather a tre anni dal ben accolto “Apple Meaning”.
La band di Ossola si è formata nel 2010, dopo un viaggio a Liverpool dei tre componenti sulle orme dei Beatles, e proprio questi ultimi sono i numi tutelari di questi ragazzi, che propongono un power pop di buona fattura e molto ben prodotto ed arrangiato da Oliviero Riva, aka Olly, il grande cantante degli Shandon e boss dell’Ammonia Records; i ragazzi in questi anni hanno già aperto per i Kasabian, i The Vaccines e gli Skunk Anansie e si sono esibiti a Sziget.
The Hodja’s Hook è un disco molto quadrato e chiaro fin dall’inizio nel portare avanti un power pop orecchiabile e con uno stile davvero ineccepibile; le melodie sono tutte dei bei ganci senza che ci sia una spasmodica ed ansiogena ricerca del ritornello perfetto.
I The Monkey Weather devono molto ai Beatles, ma hanno una maniera di comporre molto personale e pur essendo qualcosa di già sentito è un bel sentire: a dimostrazione di ciò che dico vi è anche un’interessante interpretazione di Firestarter dei Prodigy.
Questo disco dovrebbe dar loro modo di raggiungere la sacrosanta consacrazione, anche se il loro stile verrà apprezzato maggiormente all’estero che in Italia, ma spero vivamente di sbagliarmi.

Tracklist:
1. Let’s stay up tonight
2. I hate you
3. Sometimes
4. Alcoholic tears
5. Purple tree
6. Firestarter
7. I don’t care
8. Morning
9. Lies
10. Sleeping town
11. Carl

Line-up:
Jolly Hooker : chitarra e voce
Paul Deckard : basso e voce
Miky The Rooster : batteria.

THE MONKEY WEATHER – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.