Moms I’d Like To Surf – Beach Control To Major Knob

Moms I’d Like To Surf – Beach Control To Major Knob

Moms I'd Like To Surf - Beach Control To Major Knob 1 - fanzineLa primavera tarda ad arrivare e le giornate davvero belle si contano sulle dita di una mano, ma quando nel mio borgo felice spunta il sole beh il mondo si colora di pura gioia.

In quei giorni non c’è nulla di meglio che sedersi al sole in compagnia di una birra, di un buon disco, una nostra tshirt e nulla fa più “bella stagione” se non un disco di surf strumentale, se poi è valido come questo esordio su lunga distanza dei transalpini Moms I’d Like To Surf si può asserire convintamente che il gioco sia fatto.

E mentre un’ottima Peroni assolve egregiamente al compito di dissetarmi ed inebriarmi si può partire con l’ascolto delle dodici tracce che compongono questo album.

L’inizio è impetuoso e travolgente grazie a due pezzi killer come Soulstep for the Masses e Messiah Jerk a cui segue No Surf Today che ho eletto a mio pezzo preferito del lotto, dategli un ascolto e ne capirete il perché.

Ma alla foga si può anche concedere una sosta e quindi la band piazza in scaletta la languida e misteriosa Jo e Wave Almighty un pezzo che l’uso – azzeccatissimo – della tromba rende ammaliante; con Pourvu Que Les Gentils Gagnent invece si ricomincia a correre come se si fosse lanciati a folle velocità su di un treno dalla destinazione ignota. Una menzione particolare la meritano i due pezzi finali Bondage Dilemma (gran titolo) e Never Trust The Lifeguard le cui atmosfere filmiche li rendono perfetti come colonna sonora dei nostri (vostri) sogni più reconditi.

Regalatevi un angolo di paradiso: sole, birra, Beach Control to Major Knob e, perché no, un sano additivo, ma non di quello legale che vorrebbe vietare il nostro ministro degli interni.

Track List
1) Soulstep for the Masses,
2) Messiah Jerk,
3) No Surf Today,
4) Suck My Board for Free,
5) Sunless Summer Boogaloo,
6) Jo, 7) Wave Almighty,
8) Hipster on the Beach,
9) Pourvu que les Gentils Gagnent,
10) Kiss the Viking Beard,
11) Bondage Dilemma,
12) Never Trust The Lifeguard

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Bob Accio
    Posted at 13:22h, 13 Maggio Rispondi

    Deraglianti, sferzanti, apocalibidinosi…. Benefici dalla santità mentale de IL SANTO! OH, yeah!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.