Molosso – Intervista

Piacevolissima intervista con uno dei gruppi metal emergenti genovesi.

Molosso – Intervista

Piacevolissima intervista con uno dei gruppi metal emergenti genovesi. Come vi diranno loro, i Molosso non sono certo dei giovinetti, ma hanno rabbia e classe da vendere.
Quindi dopo aver recensito il loro primo ep, ecco la nostra intervista con loro.

iye Ciao come è nato il gruppo ?

Ciao Massimo! Dunque, come sai nessuno di noi cinque è esattamente di primo pelo … nella scena genovese ci conosciamo un po’ tutti e con Nico, Ermal, Leandro e Chris negli ultimi anni abbiamo spesso suonato insieme, ma mai tutti insieme!
Io, Ermal e Nico suonavamo nei Ritual of Rebirth, Nico ha suonato spesso con Chris, Ermal ha dato una mano a Leandro coi Synodik, ci siamo spesso incrociati in 100 situazioni diverse e, insomma, il “corteggiamento” è durato parecchio, ma il risultato di tutta questa “convergenza” è che il Molosso ha la miglior formazione possibile.
Abbiamo tutti un po’ di “mestiere”, tanta passione e rabbia, voglia di salire sul palco e dare tutto. Il Molosso è essenzialmente questo: muscoli, stomaco e cervello per fare musica estrema, diretta e se possibile fresca e coinvolgente, senza farci tentare dai trend del momento. Facciamo quello che sappiamo e ci piace fare.

iye Quali aspettative avete dal progetto ?

Puntiamo molto sull’impatto live. Mettere su uno show potente non è banale, ci aspettiamo che il Molosso sul palco sia una macchina da guerra, e che chi viene ai nostri concerti viva tutta la nostra rabbia.
Non è la nostra prima band, siamo consapevoli dei numeri della scena italiana, ma la cosa non ci spaventa. Siamo underground, ci piace l’underground, e moriremo nell’underground! E’ una sfida, è divertente. In sala prove lavoriamo duro per raggiungere la maturitĂ  compositiva e l’affiatamento necessario a rendere il Molosso un monolite di potenza. Questo è l’obiettivo.

iye Il metal a Genova è in salute ?

Il metal a Genova è in buona salute, viste le dimensioni della scena in Italia. Ci sono diversi locali e centri sociali dove suonare, molte band di livello, anche giovani, e un pubblico magari non numerosissimo ma solido.
E’ inutile nascondersi che non parliamo di grossi numeri, come dicevamo prima è una scena underground, che ha il suo zoccolo duro di affezionati … come cantano gli Assalti Frontali, non abbiamo paura di essere minoranza! Genova è sempre stata una fabbrica di talenti nel death metal, penso ai Sadist, ai Nerve, agli Antropofagus, e tanti altri. La scena è viva, e abbiamo intenzione di continuare a urlare a tempo indeterminato.

molosso jpg

iye Pubblicherete qualcosa?

Come sai, abbiamo appena pubblicato un EP – Basta noia (solo paranoia) – nel solo formato digitale su SoundCloud. E’ un percorso che non abbiamo tracciato chiaramente, ancora ci stiamo interrogando e confrontando su forme di condivisione e distribuzione “alternativa”; in ogni caso, per quanto riguarda la prossima uscita, stiamo scrivendo pezzi nuovi e a breve vorremmo entrare in studio per registrare il secondo EP, sempre di tre pezzi.

iye Il cantare in italiano rende molto continuerete su questa strada ?

Abbiamo scommesso senza esitazione sul cantato in italiano. Non è una sfida semplice, primo perchĂ© il cantato in italiano nel metal estremo è sempre stata una roba che hanno frequentato in pochi, e secondo perchĂ© scrivere in italiano è un casino, almeno all’inizio. Suona diverso, suona strano, e mettere giĂą la metrica non è una cosa proprio automatica. Quando canti, devi scandire tanto senza perdere potenza, il che per me è ancora un work in progress. Però l’italiano ci permette di comunicare di piĂą e meglio, e questo per noi è una prioritĂ  assoluta.
Sono convinto che in Italia l’utilizzo pressochĂ© uniforme dell’inglese nel metal abbia impedito a chi ascolta di “sentire” anche il testo, quello che chi scrive vuole urlare. Voce e musica vanno insieme, ma quando ascolti una canzone e non capisci una parola, ne perdi un pezzo (e qualche volta è anche un bene, mi verrebbe da dire). Il cantato in italiano è la voce del Molosso, ed è un elemento che vogliamo valorizzare. Quindi continueremo a spingere per migliorare e costruire una alchimia esplosiva tra parole e musica.

iye Prossimi progetti ?

Dare una base stabile al gruppo in termini di qualitĂ , visibilitĂ  e seguito. Queste sono le fondamenta per l’obiettivo vero, finale e definitivo: suonare tanto, suonare sempre meglio, e macinare chilometri col solito furgone per andare a fuoco sui palchi di tutta Italia!

iye Grazie per la pazienza ciao !

Grazie a te Massimo per la passione e per l’opportunitĂ  di farci conoscere e ascoltare. Supportiamo l’underground!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacitĂ  compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.