Mogwai – Hardcore Will Never Die, But You Will

Mogwai – Hardcore Will Never Die, But You Will

Non si può descrivere bene l’emozione che ti prende ascoltando i Mogwai, è un’eruzione dello spirito, una felicità che viene da molto lontano. Io vorrei che le recensioni fossero un qualcosa di multisensoriale, poiché non si può spiegare cosa significano una certa successione di note per te solamente con le parole, perchè il cervello viaggia molto più veloce del corpo.. Spesso il mio spirito anarcoide e confusionario mi fa venire a male le recensioni che io chiamo didattiche, gruppo da …. disco del…. componenti tizio caio….; sicuramente dare dei parametri e dei riferimenti è giusto, specialemente per noi che proviam oa far consocere a più persone relatà underground, ma tante volte io vorrei scrivere di più delle emozioni, degli affreschi mentalio generati dalla musica.

Dopo questo lungo preambolo, che vi avrà sicuramente fatto passare la voglia di leggere cosa scriverò, in seguito, vi do la prima certezza : questo disco non è meglio o peggio di altri dischi dei Mogwai, è un altro disco dei Mogwai, per cui qualcosa di totalemtne differente da ciò fatto prima. Intendiamoci, le coordinate sono sempre quelle, ma il tutto è trattato nel migilore dei modi possibile. Tutti i pezzi hanno vita propria, sono flussi di coscienza, nascono per vivere di musica e non di testi, ma allo stesso tempo dicono molte più cose di molte altre canzoni. Non hanno perso smalto o fatto chissà cosa, sono i Mogwai, un gruppo che dal titolo all’ultimo secondo di musica cura tutto in maniera maniacale, ma senza stress. Non riescono a fare dischi brutti, ma solo poesia, senti “ Death rays “e pensi che forse non tutto è ancora perduto, “ Letters to the metro “ conferma la loro vocazione cinematografica, un ampio respiro, non destinato a chiudersi in tre o quattro minuti di forma canzone. I Mogwai non sono post rock, né pre qualcos’altro, sono i Mogwai, musicisti che danno gioia a chi li ascolta, siano essi metallari, teste techno o chissà cos’altro. Perchè le categorie, le nazionalità, i concetti, i principi, qui si annullano; rimane la vita, il mondo circostante e quello che ci portiamo dentro, e la colonna sonora potrebbe essere questo disco, questo splendido cd che respira e si muove.

MOGWAI - HARDCORE WILL NEVER DIE, BUT YOU WILL

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.