iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mesmerize – Paintropy

I lombardi Mesmerize hanno alle spalle una storia già abbastanza lunga, fatta di cinque dischi usciti tra il 1998 e il 2005; dopo otto anni, arriva finalmente il seguito su lunga distanza di “Stainless”.

Mesmerize – Paintropy

L’heavy metal proposto in Paintropy possiede fattezze piuttosto cupe e lascia pochi spazi ad ampie aperture melodiche, aspetto che si rivela contemporaneamente forza e debolezza del lavoro: infatti, i brani si snodano in maniera efficace perché suonati con la dovuta perizia e interpretati in maniera ineccepibile da un vocalist esperto come Folco Orlandini ma , almeno per quanto mi riguarda, manca nel songwriting la varietà o, quantomeno, la scintilla in grado di consentire all’album di restare impresso a lungo nella memoria.
Sicuramente, chi predilige l’interpretazione del power nella sua veste a stelle e strisce troverà di che compiacersi nell’ascoltare i dodici brani nei quali i Mesmerize dimostrano una grinta ed un’energia in ogni caso encomiabili.
A Desperate Way Out e Shadows At The Edge Of Perception si fanno notare in un contesto di brani che si mantiene ben al di sopra della sufficienza ma che non riesce ad entusiasmare, pur non escludendo che ciò possa dipendere anche dal fatto che, negli ultimi tempi, ci siamo piacevolmente abituati ad uscite di livello superlativo in ambito nazionale.
Paintropy è un lavoro che non faticherà a trovare estimatori proprio in quanto l’impatto e la tecnica esecutiva non fanno assolutamente difetto; i Mesmerize, comunque, hanno le qualità e l’esperienza per fare meglio di così, pertanto il definitivo salto di qualità è solo rimandato alla prossima occasione.

Tracklist:
1. It Happened Tomorrow
2. 2.0.3.6.
3. A Desperate Way Out
4. Monkey in Sunday Best
5. Midnight Oil / Within Without
6. One Door Away
7. Paintropy
8. Shadows at the Edge of Perception
9. Mrs. Judas
10. You Know I Know
11. Masterplan
12. Promises (The Cranberries cover)

Line-up:
Andrea Garavaglia – Drums
Piero Paravidino – Guitars
Folco Orlandini – Vocals
Andrea Tito – Bass
Luca Belbruno – Guitars

MESMERIZE – pagina facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.

Samsara – Charon’s Lullaby

I Samsara offrono tre quarti d’ora di death doom atmosferico di eccellente pregio; Charon’s Lullaby trova il suo fulcro in due lunghe tracce lungo le quali melodie struggenti si inseguono senza soluzione di continuità, sostenute da un comparto ritmico comunque robusto.