iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mekigah – Litost

Cupo, solenne, drammatico, sferzato da voci sovrumane, l'album non fa sconti sia quando rumorismi assortiti prendono campo, sia quando, sporadicamente, struggenti melodie vengono sporcate da un substrato industrial-ambient.

Mekigah – Litost

Inutile barare, prima d’oggi non avevo mai sentito nominare questa band australiana che, in sede di presentazione, veniva indicata come dedita ad un gothic doom.

Per recuperare il tempo perso ed avere qualche informazione in più, ho ascoltato qualche brano tratto dai due lavori precedenti, “The Serpent’s Kiss” e “The Necessary Evil”, facendomi l’idea di un combo dai tratti piuttosto personali ed autore di album molto più oscuri di quanto un certo afflato melodico potesse farli sembrare ad un primo approccio.
Senonché Vis Ortis, il musicista di Melbourne che sta dietro al progetto, in quest’occasione ha deciso di circondarsi di un manipolo di ospiti per dar vita ad un album davvero audace per scelte stilistiche e compositive.
Bandita ogni sorta di forma canzone, i Mekigah fanno piombare l’ascoltatore in un’oscurità totale provocata da una forma estrema di dark-ambient che, talvolta, va a lambire suoni dronici, mentre in altri casi si mostra relativamente più accessibile grazie a sprazzi melodici e a qualche linea vocale che, comunque, tutto può apparire fuorché rassicurante.
Il risultato è sorprendente, visto il concreto rischio che si corre, in simili frangenti, di dar vita ad un pastrocchio senza capo né coda: Litost, infatti, tiene inchiodati alla sedia, rivelandosi una credibile rappresentazione di un mondo in cui la luce si è spenta ormai da tempo
Cupo, solenne, drammatico, sferzato da voci sovrumane, l’album non fa sconti sia quando rumorismi assortiti prendono campo, sia quando, sporadicamente, struggenti melodie vengono sporcate da un substrato industrial-ambient.
La traccia che maggiormente può essere lontanamente definita come “canzone” è la stupefacente wurrmbu, prossima a certo doom senza compromessi tipico di casa Aestethic Death (The Nihilistic Front): ecco, ascoltatevela con attenzione tenendo ben presente che si tratta di uno dei momenti più accessibili dell’album.
Difficile evocare sensazioni così forti senza ricorrere a mezzi “leciti” quali linee melodiche incisive oppure aggressività a piene mani: Litost potrebbe essere l’ideale colonna sonora di buon horror fantascientifico oppure di un documentario sul fine vita, ma non fa molta differenza, in fondo, resta solo il suo effetto spaventoso ed affascinante allo stesso tempo.
Il disco si chiude in maniera eccellente con il minimalismo punteggiato di inalienabile malinconia di bir’yun: barlume di luce o illusoria speranza? Lo scopriremo probabilmente alla prossima occasione; infatti, sono piuttosto curioso di capire se questo disco resterà un episodio a sé stante nella discografia dei Mekigah prima di tornare all’interno dei binari gothic dei primi due dischi (molto belli peraltro, ora che li ho scoperti non li accantonerò facilmente), oppure se questa nuova strada verrà auspicabilmente battuta anche in futuro.
In ogni caso grande album e band da circoletto rosso.

Tracklist:
1. total cessation of one
2. the sole dwelling
3. arangutia
4. by force of breath
5. sa fii al dracului
6. wurrmbu
7. circuitous revenge
8. mokuy
9. an overbearing insanity
10. bir’yun

Line-up:
Vis Ortis – compositions , drums, guitars, piano, synths percussion, vocals, noise, all tracks

Guests:
TK Bollinger – additional vocals on 2 , 3 , 6 , 8 , 9, 10
Ken Clinger – synth, strings, cello, mellotron on 1, 4 , 6, 9
Axiam Ziltch – guitar & taishogoto on 2, 3, 5, 6, 8, 9
Don Campau – additional lead guitar on 3
Chris A.C – additional noise guitar on 2 , 8
Justine – screams on 6,7
Leith Carnie – vocals on 2, 3, 4

MEKIGAH – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.