Med Free Orkestra – Background

Med Free Orkestra – Background

I Med Free Orkestra, ensemble nato a Roma e composto da ben dodici elementi (Sarah Jane Ceccarelli, Lavinia Mancusi, Francesco Fiore, Angelo Olivieri, Alessio Guzzon, Ihor Svystun, Gabriele Gagliarini, Attilio Costa, Vincenzo Vicaro, Andrea Merli, Alessandro Severa, Riccardo Di Fiandra) pubblicano per CNI Music il loro nuovo disco, Background. Il lavoro, composto da dieci brani, si getta a capofitto in sonorità folk/etniche che spaziano dal Mediterraneo all’Africa, dall’Irlanda ai Balcani.

Le trombe di Afrikan Move, costellate da vivaci percussioni e atmosfere che portano nel verde dell’Africa Centrale, introducono Background, le sue deludenti parti rap e il recitato che ricorda con forza gli Offlaga Disco Pax.
Bulkanian, facendo propria la tradizione musicale balcanica, mescola inglese e napoletano, avvolgendo con le sue melodie, mentre il procedere latinoamericano di Chueca, raccontando l’amara storia di una coppia omosessuale, lascia che a proseguire sia il frizzante e veloce correre di Muoviti.
Il delicato avvolgere di Ballata Di San Lo’, notturna e carica di emotività, invece, si contrappone alla spigliata e coinvolgente Dondola Il Mondo e alle note della tradizionale Ederlezi.
Hora Cu Stringatu, infine, tra strumenti a fiato, percussioni e ritmiche funky, lascia che a chiudere sia l’altro deludente rap di Pizzica Dello Scafista.

I dieci brani di Background, dando vita a un colorato bazar multietnico (incentrato su temi legati all’immigrazione, al viaggio e alla difesa dei diritti dell’uomo), propongono alcuni interessanti spunti, ma molto spesso non convincono in pieno. I punti più deboli sono sicuramente le parti rap e il proporre il solito cliché “musica etnica+tematiche sociali”. A causa di ciò, infatti, nel giro di poco tempo, l’ascolto si fa decisamente pesante e monotono. Se siete forti appassionati del genere, probabilmente troverete interessante anche questo album, altrimenti passate oltre senza troppi pensieri.

Tracklist:
01. Afrikan Move
02. Background
03. Bulkanian
04. Chueca
05. Muoviti
06. Ballata Di San Lò
07. Dondolo Il Mondo
08. Ederlezi
09. Hora Cu Stringatu
10. Pizzica Dello Scafista

Line-up:
Sarah Jane Ceccarelli
Lavinia Mancusi
Francesco Fiore
Angelo Olivieri
Alessio Guzzon
Ihor Svystun
Gabriele Gagliarini
Attilio Costa
Vincenzo Vicaro
Andrea Merli
Alessandro Severa
Riccardo Di Fiandra

MED FREE ORKESTRA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.