Matter – Convex Ep

Matter – Convex Ep

Matter ci svela il mantra ingannatore che compone il mondo che ci circonda, attraverso la struttura e le sonorità minimal underground di "Convex", suo ultimo EP.

E’ possibile che un EP Minimal Techno vi apra gli occhi, gettandovi all’improvviso in un mondo nascosto fino a pochi secondi prima, fatto di sfumature distopiche, ossessioni e condizionamenti di massa?

Ebbene si. “Convex” è tutto questo e molto altro.

L’ultimo lavoro di Matter, meglio conosciuto come Fabrizio Matrone, o Heidseck, è all’altezza sia del suo titolo che delle aspettative per gli amanti del genere che si ritroveranno tra le mani un gioiellino intriso di sperimentazioni, significati e talento. Durante l’ascolto dei quattro brani che compongono l’EP, non state altro che girando le lenti convesse di un apparecchio da vista immaginario. Una sorta di cannocchiale steampunk o fantascientifico dalle apparenze puramente ludiche e sottostimabili, ma che invece lentamente vi porterà a distinguere quanto la realtà in cui viviate sia distorta e sottomessa da messaggi ossessivi, manipolati e manipolanti, ed anche la vista panoramica più bella sulla vostra città si trasformerà presto in uno scorcio desolato ed oscuro, perduto tra le distruzioni del mondo di Matrix e le atmosfere cyberpunk de “Il Neuromante”, il famoso capolavoro fantascientifico di Gibson.

Ma al contrario di mondi ed atmosfere psichedeliche e piene di orpelli musicali, totalmente inutili, colpisce allo stomaco grazie alla sfumatura minimal dell’album, il pragmatismo ed il realismo schiacciante del mantra melodico che lentamente sale a galla traccia dopo traccia. Starà all’ascoltatore decidere dove vorrà collocarsi in questa sorta di racconto techno; se nel mantra ingannevole o tra i sottili indizi che potrebbero riportare alla realtà dei fatti sfuggendo alla costruzione artificiosa di quanto ci circonda. Non si può parlare di tracce più o meno riuscite: il lavoro di Matter è un concept da prendere e gustarsi in blocco, ma a noi ha colpito particolarmente “Point Source”, la prima traccia del lato B (ebbene si, il disco è reperibile anche in un vinile con un lavoro visivo che ben si accompagna al genere musicale).

Come dicevo, “Point Source”, o “Punto Sorgente”, è sembrata un po’ il pezzo chiave dell’EP, il generatore di immagini e suggestioni da cui tutto parte e dove tutto trova un senso.

Il mantra ingannatore si sgretola senza però soccombere, lasciando sempre la porta aperta a chi ascolta sulla possibilità di continuare ad illudersi o iniziare la propria rivolta personale per la propria liberazione.

ETICHETTA:Concrete Records

TRACKLIST
1 – Curvature (Orphx Remix)
2 – Curvature
3 – Point Source
4 – Axis

LINE-UP
Matter
Orphx – remix

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.