Marius Danielsen’s Legend of Valley Doom – Marius Danielsen’s Legend of Valley Doom

Marius Danielsen's Legend of Valley Doom - Marius Danielsen's Legend of Valley Doom 1 - fanzine

Marius Danielsen’s Legend of Valley Doom – Marius Danielsen’s Legend of Valley Doom

Gran bel colpo quello della Crime Records, che licenzia la metal opera del cantante norvegese Marius Danielsen, già dietro al microfono dei Darkest Sins, autori del primo full length tre anni fa.

Uno spiegamento di forze metalliche impressionante, per un lavoro che non si discosta dalle opere già edite dai nostri Rhapsody e sopratutto Avantasia, perciò si parla di power metal sinfonico ed epico, colmo di cavalcate metalliche gioia dei true defenders e parti classiche che glorificano ed epicizzano i vari capitoli della nuova saga della Valley of Doom.
Il cantante è aiutato in questo ambizioso lavoro dai suoi compagni nei Darkest Sins, il chitarrista Sigurd Kårstad, la bassista Anniken Rasmussen, Peter Danielsen al synth ed il drummer Ludvig Pedersen, che si divide il lavoro alle pelli con Alex Holzwarth dei Rhapsody of Fire e poi aggiunge molto pepe nel piatto preparato per i kids, avendo ottenuto la collaborazione di una buona fetta del gotha del metal classico internazionale.
Tra gli altri infatti spiccano nomi altisonanti nei musicisti coinvolti come: Edu Falaschi, Tim Ripper Owens e Mark Boals al microfono, Timo Tolkki, Chris Caffery, Ross the Boss e Jimmy Hedlund tra i musicisti impegnati alle sei corde, il nostro Alessio Lucatti alle tastiere e Mike LePond e Barend Courbois al basso.
Mixato dal guru del power metal europeo Piet Sielck, l’album mantiene in parte quello promesso da cotanto ben di dio agli strumenti, infatti pur risultando un buon lavoro, a tratti l’opera fa fatica a decollare, così che gli sforzi del buon Marius Danielsen, non portano a quel discone che la line up poteva far pensare.
Non fraintendetemi, Marius Danielsen’s Legend of Valley Doom piacerà e molto agli amanti del power e sopratutto dei concept fantasy, ormai conosciuti come metal opere, anche se manca quello squillo di trombe trionfale che permette ad un buon album di raggiungere l’eccellenza.
Peccato, forse i nomi coinvolti distraggono dalla qualità della musica, che, pur rimanendo su livelli medio alti, fatica ad uscire dai soliti clichè, risultando a tratti scolastica nel songwriting, insomma siamo lontani dai capolavori delle band da cui il vocalist pesca a piene mani.
A livello esecutivo, con musicisti del genere, non possiamo che essere nel meglio che il metal classico odierno può offrire, dalle prove sontuose degli assi al microfono, alla tecnica dei musicisti alle prese con i ferri del mestiere, che, in mano a nomi del genere da ferro si trasformano in oro, manca appunto un pizzico di maturità in più nel songwriting, che appiattisce molti dei brani presenti ed impedisce al lavoro di prendere il volo.
Molto bella anche se di maniera la title track, posta al centro dell’opera e fulcro, con i suoi quattordici minuti, di tutta la storia, seguita dalla Gamma Ray oriented Raise You Shields.
Epicissima cavalcata in stile Rhapsody, Chamber Of Wisdom è un altro di quei brani che alzano e di tanto la qualità del disco, così come l’opener The Battle of Bargor-Zun, anche se il già sentito aleggia tra i solchi del brano.
Come detto in precedenza l’album piacerà ai fans del genere, da apprezzare lo sforzo del musicista norvegese nel riuscire a coinvolgere musicisti di tale levatura; se siete amanti di queste sonorità l’opera non potrà non piacervi, altrimenti non credo vi farà perdere la testa.

TRACKLIST
01. Intro
02. The Battle of Bargor-Zun
03. The Prophecy of the Warrior King
04. Chamber of Wisdom
05. Mirror of Truth
06. Haunting My Dreams
07. The Legend of Valley Doom
08. Lost In A Dream of No Return
09. Raise Your Shields
10. Free as the Wind
11. The Fallen Heroes of Our Land
12. Outro

LINE-UP
Vocals:
Marius Danielsen (Darkest Sins)
Edu Falaschi (ex-Angra, Almah)
Tim Ripper Owens (ex-Judas Priest, ex-Iced Earth, ex-Yngwie Malmsteen)
Mark Boals (ex-Yngwie Malmsteen, Iron Mask, Royal Hunt)
Jonas Heidgert (Dragonland)
Elisa C. Martin (Hamka, ex-Dark Moor, ex-Fairyland)
Alessio Garavello (ex-Power Quest, A New Tomorrow)
Kai Somby (Intrigue)
Artur Almeida (Attick Demons)
George Tsalikis (Zandelle)
John Yelland (Disforia, Judicator)
Simon Byron (ex-Crystal Empire, Sunset)
Mikael Holst (Timeless Miracle)
Guitars:
Timo Tolkki (ex-Stratovarius, Avalon)
Chris Caffery (Savatage, Trans-Siberian Orchestra)
Ross the Boss (ex-Manowar, DeathDealer)
Robb Weir (Tygers of Pan Tang)
Tobi Kersting (Orden Ogan)
Jimmy Hedlund (Falconer)
Marco Wriedt (Axxis, 21Octayne)
Olivier Lapauze (Heavenly)
Felipe (Twilight Force)
Alex TheKing Mele (Kaledon)
Esa Ahonen (Cryonic Temple)
Kristian Tjelle (ex-Nocturnal Illusion)
Gard Austrheim (My Decending Ark, ex-Fatty Sunroad)
Marius Danielsen (Darkest Sins)
Sigurd Kårstad (Darkest Sins)
Synth:
Peter Danielsen (Eunomia, Darkest Sins)
Alessio Lucatti (Vision Divine, Etherna)
Bass:
Barend Courbois (Blind Guardian)
Mike LePond (Symphony X)
Anniken Rasmussen (Darkest Sins)
Ignacio Lopez (Skiltron)
Giorgio Novarino (ex-Crystal Empire, ex-Bejelit)
Marius Danielsen (Darkest Sins)
Drums:
Alex Holzwarth (Rhapsody of Fire)
Ludvig Pedersen (Darkest Sins)

VALLEY OF DOOM – Facebook

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.