Marco Crescizz – Venezia Metal

Marco Crescizz - Venezia Metal

Marco Crescizz – Venezia Metal

In Italia a questo scopo è stata scelta Venezia Metal, sorellastra malmessa di Venezia Mestre, rimasta interamente sotto il controllo dello Stato italiano.

A cinquant’anni dalla stesura di queste righe i governi mondiali avranno avuto un’ulteriore involuzione repressiva e bigotta, con conseguente messa al bando di punk, metal e tutta una serie modi di vedere e vivere la vita.

Ogni nazione europea, però, lascerà un’enclave al suo interno con il compito di fare da sfogatoio per chi a quei modi di pensare e vivere non vuole rinunciare, salvaguardando così l’integrità morale (in realtà solo una gestione più agevole dell’ordine pubblico da parte del potere) del resto della nazione. In Italia a questo scopo è stata scelta Venezia Metal, sorellastra malmessa di Venezia Mestre, rimasta interamente sotto il controllo dello Stato italiano. A causa del degenerare del cambiamento climatico, Venezia ha visto un ulteriore innalzamento delle acque lagunari, che sono arrivate a sommergere completamente i primi piani dei palazzi; si accede alla propria abitazione entrando dalla finestra e per spostarsi in città si cammina sui tetti.

Quale posto più adatto a far da richiamo per punk e metallari, reietti ingestibili, e tenerli lontani dalla popolazione a modo?

Così nasce Venezia Metal, luogo dove band metal e le rispettive case discografiche si danno battaglia per arrivare al successo, dove la vita sembra scandita da concerti e da nottate in pub e locali dai nomi inquietanti, eguagliati solo da chi li frequenta, e dove una multinazionale proprietaria del marchio di un energy drink rischia di rendere “plastificato” tutto l’immaginario di riff ruggenti e corna al cielo a cui in tanti si aggrappano per cercare la libertà.

In questo contesto Gianni, fratello del cantante e chitarrista di uno dei gruppi emergenti che va per la maggiore sembra avere l’occasione di provare la sua scalata alla gloria metallica, ma qualcosa di più grande, di più ferino, e che tingera’ pesantemente di horror occulto questa storia, sembra volergli mettere i bastoni tra le ruote.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Massimo Argo
    Posted at 17:42h, 30 Agosto Rispondi

    Bella recensione per un libro interesantissimo, che porta anche una notevole ricerca sul significato del metal stesso. LIbro che poi rispecchia anche un pò la fertile scena metal hardcore veneziana e veneta.

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.