Manach Seherath – Manach Seherath Demo

Ottimo debutto per i Manach Seherath, con il loro sound epico e dalle tinte dark.

Manach Seherath – Manach Seherath Demo

Dalla terra campana arrivano i Manach Seherath, i quali si autoproducono questo buon demo di tre brani, dagli ottimi spunti e già piuttosto maturo.

La band napoletana, nata nel 2012 da un’idea del vocalist Mich Crown, dopo alcuni cambi di formazione, esordisce con questo lavoro composto da tre brani di metal sinfonico, per niente scontato, o almeno non in linea con le produzioni di questi anni.
Infatti i Manach Seherath rivisitano il metal ottantiano, forgiato nel fuoco della new wave of british heavy metal, lo epicizzano con un cantato evocativo e molto teatrale dopo aver posto le fondamenta del sound con i suoni tastieristici dell’ottimo Cyrion Faith.
Appunto le tastiere, strumento su cui si poggia la musica del gruppo, sono l’arma in più: il loro apporto fa sì, che questi tre brani, colmi di epicità oscura, siano anche molto melodici e, pur nella loro manifesta predisposizione al metal old school, risultino moderni nell’approccio, attraversati dai suoni dei tasti d’avorio che a tratti rasentano il dark/gothic senza cadere mai nei suoni cool del symphonic metal moderno.
Tra le tracce presenti, All In All (A Timeless Trilogy pt.3) è una canzone davvero notevole, il cui incedere mi ha richiamato alla mente più di una band dark, ed anche il cantato, sempre teatrale ed evocativo, in questo brano si avvicina a quel genere, convincendomi del fatto che, tra gli ascolti del gruppo, non siano mai mancati Sisters Of Mercy e Fields Of The Nephilim.
Epici e oscuri, i Manach Seherath hanno margini di miglioramento elevati e potenzialità enormi, pur partendo da una base d’appoggio già molto consistente come questo affascinante demo, consigliato a chi ama il metal epico dalle tinte dark.

Tracklist:
1. Arti Manthano (A Timeless Trilogy PT 1)
2. Timeless (A Timeless Trilogy PT 2)
3. All in All (A Timeless Trilogy PT 3)

Line-up:
Cyrion Faith – Keyboards
Mich Crown – Vocals
Lukas Blacksmith – Bass
Lemur Mask – Drums
Minus Karma – Guitars

MANACH SEHERATH – Facebook

MetalDemos – Streaming

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.