Luctus – Ryšys

Luctus – Ryšys

Probabilmente sarò fortunato o forse particolarmente ben disposto verso il genere, fatto sta che il materiale che viene proposto a In Your Eyes, riguardante black metal band provenienti da svariati angoli del pianeta, si sta rivelando negli ultimi tempi costantemente di buona qualità.

Evidentemente c’è poco da inventare in uno stile musicale che, dopo la sua esplosione negli anni novanta, era già stato definito morto e sepolto dai molti detrattori: la verità è che la maggior parte di chi lo suona oggi lo fa con cognizione di causa cercando di conservarne lo spirito originario senza sacrificare, nel contempo, la tecnica musicale e la resa sonora.
Tocca oggi, quindi, ai lituani Luctus proporre un’interpretazione del black sufficientemente ortodossa quanto efficace; del resto la band in questione non è alle prime armi, essendo nata circa un decennio fa come progetto solista di Kommander L., e questo Ryšys (“connessione”) è il suo terzo lavoro su lunga distanza in una discografia ricca comunque di altre uscite dal minutaggio ridotto.
Un black dalle sfumature thrash ed una spiccata propensione a sfornare buone linee melodiche, sepolte dal drumming martellante di Kingas, è tutto ciò che ci si deve attendere da questo disco e non è affatto poco.
Brani trascinanti, nei quali le chitarre di Šatras e Blakulla riescono a ricavare passaggi di grande intensità, sia quando devono inseguire il furioso blast beat sia quando i tempi si rallentano, si susseguono per una cinquantina di minuti davvero convincenti, in grado di evocare malignità senza dover ricorrere a particolari stratagemmi, sfruttando al meglio il ringhio velenoso di Kommander L.
Difficile trovare una traccia debole e così pure una che spicchi nettamente sul resto della tracklist: per gusto personale prediligo, per le ottime linee melodiche, Šmėkla, Bedvasiai e NKRKTHRSS, ma non sottovaluterei neppure l’impatto di due rocciosi espiodi black’n’roll quali K.B.M.B. e Kažkur kitur.
Niente di nuovo sorto il sole ? Certo, ma Ryšys è comunque un buonissimo lavoro che conferma, oltretutto, un certo fermento nella scena metal dei paesi baltici.

Tracklist:
1. Šmėkla
2. K.B.M.B.
3. Kvantinis šuolis
4. Bedvasiai
5. Jie
6. Kažkur kitur
7. NKRKTHRSS

Line-up:
Kingas – Drums
Blakulla – Guitars
Šatras – Guitars
Kommander L. – Vocals, Guitars, Bass

LUCTUS – Facebook

INFERNA PROFUNDUS RECORDS – Facebook

Bigcartel

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.