iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Los Huracanes – Los Huracanes

Semplicemente il miglior gruppo spagnolo di beat degli anni sessanta. Inquadriamo la situazione: originari di Valencia, questo è il loro unico album, e siamo nel pieno del franchismo, che lasciava però relativa libertà di fare il beat, forse più per ignoranza che per ragionato permissivismo.

Los Huracanes – Los Huracanes

Questo lp è una pietra miliare del suono spagnolo beat, davvero un gruppo che crea dipendenza. I Los Huracanes errano formati dai membri di alcuni gruppi seminali della scena valenciana come Victor Ortiz, già nei Los Pantalones Azules, Pacual Olivas, ex militante dei Los Milos e i Los Top – Son, e le nuove entrate Josè Casquel, Josè Segura, e Julito Andreu. Sicuramente il gruppo nella sua carriera ha sofferto il fatto di essere di Valencia, provincia delle già provinciali Madrid e Barcelona. Nel maggio del 1966, un anno dopo il successo del loro debutto su ep “For Your Love”, la band venne chiusa negli studi Emi di Barcelona, e in un giorno solo diedero alla luce questo capolavoro folk beat. Solo i Los Huracanes e i Los Brincos, all’epoca, uscirono con un disco interamente scritto e suonato da loro stessi, poiché era uso far suonare musicisti professionisti nei dischi beat.
In Los Huracanes c’è tutto, dal sound inglese, alla California, al Dylan pre elettrico; ovviamente i Beatles sono onnipresenti, ma possiamo anche sentire echi di Byrds e Beach Boys. Gli ascolti erano quelli, e la qualità dei gruppi mainstream era molto maggiore rispetto ai giorni nostri. Ai fan della musica beat questo disco provocherà stupore per la maturità compositiva e di esecuzione che possedevano Los Huracanes, sicuramente molto al di sopra della media. In Esperame c’è il primo accenno in terra iberica alla psichedelia, che da lì a poco invaderà il mondo, grazie anche all’acido lisergico.
Questo vinile, come tutte le uscite dell’etichetta Vinilissimo della famiglia Vampisoul, farà felici gli intenditori, e chi vorrà farsi un tuffo dove l’acqua era davvero più blu.
Disponibile unicamente in vinile

Tracklist
LATO A
1. ESTA TARDE A LAS SIETE
2. SONRIEME
3. EL CONQUISTADOR
4. EN TINIEBLAS
5. ESPERAME
6. CREO QUE TE QUIERO
7. AUN

LATO B
1. EL CALOR DEL VERANO
2. ¿DONDE TE ESCONDISTE?
3. OCHO DIAS CAYENDO LLUVIA
4. QUIERO REPOSTAR
5. A LA CAIDA DEL SOL
6. PODRAS PENSAR
7. DULCE DESPERTAR

www.vampisoul.com

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.