Los Fastidios – XXX The Number of the Beat

Los Fastidios - XXX The Number of the Beat

Los Fastidios – XXX The Number of the Beat

Condividi:
Share

I giorni del G8 furono, per chi li visse sia direttamente che indirettamente, qualcosa di veramente drammatico e scioccante. Molti, dopo quei fatti in fondo così inaspettati nella loro crudezza, tentarono di esprimere il proprio sdegno: alcuni ci riuscirono bene altri meno e tra chi scrisse qualcosa di veramente pregnante vi furono indubbiamente i Los Fastidios che nel loro album Guardo Avanti inserirono Rabbia Dentro il Cuore, una canzone che ben descriveva come, nell’immediatezza degli eventi, fossimo confusi, rabbiosi, dolenti.

A distanza di così tanti anni la band veronese è ancora sulla breccia con il proposito di riannodare fili, interazioni, passioni che nulla è riuscito a recidere. Il nuovo, disco composto da quattordici brani, riesce, come di consueto, a definire la cifra stilistica di una band che rappresenta una vera propria istituzione nel panorama punk (e non solo) nazionale.

Ci sono i pezzi in levare come Monkeys, Back in ’79 e Where Are You Now? e la ripresa di Blue Beat Boy che diventa Blue Beat Boy 2.0, ma non mancano brani anthemici come la clashiana Torneremo Ancora – dal testo bello semplice e diretto – e la conclusiva Tu Lo Sai. Ottime eccezioni sono poi The Queen of the Dancefloor – che mi rimanda al mod sound di band da me amatissime quali Spitfires, Ordinary Boys o Movement – e la suadente e dubbeggiante Beverley.

Infine, un discorso a parte lo merita la tesa ed efficacissima A.H.L., mia preferita del lotto, che va a riprendere le tematiche animaliste tanto care alla band.

In sintesi un ottimo ritorno che ribadisce come i Los Fastidios siano “here to stay”, e se qualcuno capisce la citazione non vince nulla di tangibile, giusto la mia stima.

 

 

Condividi:
Share
Tags:
, ,
Il Santo
[email protected]

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.