levis hostel-star bell jar

levis hostel-star bell jar 1 - fanzine

(the spirit of christmas won’t set me free till next summer).
Se un disco lo si comincia a “soppesare” dalla copertina e,perche’ no, dal titolo, con i Levis Hostel si parte davvero bene,entrambi sono infatti davvero belli e riusciti.
Loro sono italiani e cio’ ci rende orgogliosi (stringiamoci a coorte) e sono guidati da Ezio Piermattei che,non mi posso vantare di conoscere personalmente,ma la cui abilita’ di scrittura e’ davvero invidiabile.

Cito a caso i brani che piu’ mi hanno colpito.
“Loony bin” e’ celestiale,con quegli effetti demode’ che ricordano i Love,”Margarine lover” mi ricorda i Sebadoh (scusate se e’poco),”The weight” ha un arpeggio smithsiano che e’ un piacere per l’udito e per l’anima,”Me and the diver” e’ di una leggiadria ultraterrena sorretta da una splendida seconda voce femminile.
Ma badate bene si tratta soltanto di citazioni casuali poiche’ questo album va ascoltato nella sua interezza e con la massima attenzione.
Chiude il tutto una cover di “Here” dei Pavement che,se non aggiunge nulla alla bellezza del tutto, e indice del buongusto della band.
In poche parole:BRAVI!

Avatar

Autore: Il Santo

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.