levis hostel-star bell jar

levis hostel-star bell jar 1 - fanzine

Pubblicato il

Scritto da

(the spirit of christmas won’t set me free till next summer).
Se un disco lo si comincia a “soppesare” dalla copertina e,perche’ no, dal titolo, con i Levis Hostel si parte davvero bene,entrambi sono infatti davvero belli e riusciti.
Loro sono italiani e cio’ ci rende orgogliosi (stringiamoci a coorte) e sono guidati da Ezio Piermattei che,non mi posso vantare di conoscere personalmente,ma la cui abilita’ di scrittura e’ davvero invidiabile.

Cito a caso i brani che piu’ mi hanno colpito.
“Loony bin” e’ celestiale,con quegli effetti demode’ che ricordano i Love,”Margarine lover” mi ricorda i Sebadoh (scusate se e’poco),”The weight” ha un arpeggio smithsiano che e’ un piacere per l’udito e per l’anima,”Me and the diver” e’ di una leggiadria ultraterrena sorretta da una splendida seconda voce femminile.
Ma badate bene si tratta soltanto di citazioni casuali poiche’ questo album va ascoltato nella sua interezza e con la massima attenzione.
Chiude il tutto una cover di “Here” dei Pavement che,se non aggiunge nulla alla bellezza del tutto, e indice del buongusto della band.
In poche parole:BRAVI!

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.