Last Waltz – World’s End Girlfriend

Last Waltz – World’s End Girlfriend

Katsuhiko Maeda ritorna e lo fa con un disco bellissimo, imprescindibile per gli amanti della sperimentazione elettronica giapponese

LAST WALTZ: un titolo chiarificatore, da scriversi rigorosamente in maiuscolo.

Un disco massivo ma dolcissimo, come già la title track fa intuire, che mischia accuratamente deflagrazioni elettroniche, post-rock e una classica tutta giapponese che sconfina – a tratti – in certi territori glitch alla Kashiwa Daisuke o alla Kazumasa Hashimoto.

La formula maedaiana – concretizzatasi specialmente a partire da quel Dream’s End Come True, del 2002 – che l’ha portato ad incidere con successo una decina di album e svariati EP senza eccessivi passi falsi in due decadi di carriera, è qui sublimata in una specie di summa summarum della sua stessa poetica melodrammatica.

Se Plein Soleil rimarrà forse la traccia più rappresentativa del disco – una lunga malinconia di nenie femminee trasognate (la voce, per l’occasione, è della spesso bravissima Shione Yukawa), linee di piano, beat nostalgici, ricami di violini lontani che si aprono a subitanee ma prolungate esplosioni elettroniche, le quali si richiudono all’improvviso su loro stesse – brani come Void, Christal Chrysalis e LAST BLINK, fortemente atmosferici, si sciolgono delicatamente sul dualismo/contrapposizione tra elettronica e classica ambienteggiante. E’ invece in tracce come l’arcana e misterica Radioactive Spell Wave, Flowers of Romance e In Silence / in Siren (l’unico brano del disco con un autentico testo) che si concentra il phatos di questo lavoro: se gli intro allungati si possono riscontrare in quasi ogni traccia dell’album qui la situazione di stasi iniziale, fortemente instabile e sempre sul punto di rompersi, si allunga programmaticamente a dismisura per preparare l’imponente – spesso relativamente breve – esplosione finale, dal sapore malinconico di metafora umana.

Nel complesso un prodotto bellissimo, del quale se si vuole trovare un difetto questo è forse la scelta difficilmente comprensibile (e francamente evitabile) di riutilizzare la già a suo tempo compiuta Girls (tagliando la “s”, questa volta) per farne una traccia vagamente rallentata dai toni noise, smorzata pure da timidi riff postrockeggianti per un risultato finale – banale, quasi tautologico – che non eguaglia complessivamente, per spessore, il brano ascoltato nel mini-album Girls/Boys Song del 2014. La cifra conclusiva del disco – comunque solidissimo e privo di autentiche contraddizioni, specialmente se lo si prende per intero – è un vero antidoto all’idiosincrasia: Maeda si conferma uno dei compositori di elettronica sperimentale più originali e squisitamente sensibili del suo paese.

TRACKLIST
1. LAST WALTZ
2. Plein Soleil
3. Angel Ache
4. Flowers of Romance
5. Void
6. Crystal Chrysalis
7. In Silence / in Siren
8. Radioactive Spell Wave
9. Girl
10. LAST BLINK

URL Facebook
https://www.facebook.com/worlds.end.girlfriend.music/

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.