iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Lares – Et in arcadia ego

Lares - Et in arcadia ego : possiede quel tocco speciale, quell’atmosfera particolare che hanno pochi dischi che fluttuano in una dimensione differente dalla nostra.

Lares – Et in arcadia ego

Caos dal caos, black metal atmosferico con una forte connotazione doom, ambient, psichedelia, post rock e tante, tante altre cose. I Lares pubblicano il loro terzo album “Et in arcadia ego” per Argonauta Records a quattro anni dal penultimo “Towards Nothingness” sempre per l’etichetta italiana.

Traccia unica di oltre ventisette minuti il disco è un flusso di coscienza che fluttua in una dimensione che non è la nostra, puntando davvero in altro.

Il gruppo di stanza a Berlino ha confezionato un’opera che supera persino il precedente disco che era stato accolto molto bene sia dal pubblico che da noi lamentosi critici.

Qui si superano abbondantemente, arrivando a sviluppare un flusso sonoro che è vissuto da attacchi improvvisi e rabbiosi, cavalcate dentro galassie lontane, viaggi mentali soffusi e post metal in growl, che poi ripartono come il viaggio di un verme sotto al sabbia di Arrakis. La bellezza della musica dei Lares, nome bellissimo, è come guardare dentro ad un immenso abisso ed esserne contenti, in pace con noi stessi.

Fin dalla copertina per continuare con la musica i Lare pongono dentro la loro opera anche tanto esoterismo, e il titolo del disco vuole dire tantissimo. Un disco di grande bellezza, che ha al suo interno tanti generi e sottogeneri diversi e tutti organici e credibili, come incastonati in un bellissimo bassorilievo. I Lares fanno musica oggettivamente diversa, speciale e senza preclusioni, dentro questo disco si possono addirittura ascoltare vestigia del grunge e del poste grunge.

Ci vuole coraggio ma soprattutto bravura per are un’unica traccia di ventisette minuti al di fuori del circuito ambient più duro e puro, con tale qualità e tale intensità. “Et in arcadia ego” possiede quel tocco speciale, quell’atmosfera particolare che hanno pochi dischi che fluttuano in una dimensione differente dalla nostra e della quale possiamo cogliere solo qualcosa ma c’è tantissimo dentro.

Molto particolare la copertina con la versione di “Et in arcadia ego” del Guercino, una storia nella storia.

 

Lares – Et in arcadia ego

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Daegonian – Through the great beyond

Daegonian – Through the great beyond:disco che scorre molto bene e che ci riporta ai fasti del symphonic death black, sottogenere prima abusato e ora quasi dimenticato, e qui siamo ai suoi massimi livelli.

Cranked! - Mr. Deathwish

Cranked! – Mr. Deathwish

I Cranked sono un gruppo di grandissimo valore e chi ama questo suono consumerà questo capolavoro dell’hardcore punk anni ottanta, atmosfere incredibili e indelebili.