L.e.i.s.f.a. – Liturgie Di Fallimenti E Sconfite

L.e.i.s.f.a. – Liturgie Di Fallimenti E Sconfite

Ci sono momenti, dischi, sensazioni che a volte ritornano e sono ancora più belle di prima. Chi ascolta punk hardcore e lo fa perché gli piace la musica sincera, che riesce ad entrare dentro il cuore e a rimanere sotto pelle, amerà moltissimo questo disco.

I genovesi Luca E I Suoi Fantastici Amici sono un gruppo di amici, persone che hanno vite come noi, soffrono e gioiscono delle nostre stesse cose, sono in giro da un po’ di anni e questo è semplicemente il loro capolavoro. Funziona tutto molto bene in questo disco, la musica scorre e le parole arrivano chiare e fluenti, come se fossero dipinte in un quadro surrealista. L’essenza del punk hardcore italiano viene catturata alla perfezione, riuscendo a far dipanare ancora il filo che lega ragazzi che trenta e più anni fa prendevano in mano gli strumenti con gruppi come questo.

Si piange, si ride, ci si riconosce ma soprattutto questo è un disco che lascia qualcosa senza chiedere in cambio nulla, è il risultato di sconfitte, ma anche del grandissimo successo di non lasciarsi prendere nel vortice di questa società. Liturgie di Fallimenti e Sconfitte è la voglia di andare avanti a testa alta in un percorso segnato da mille debolezze e crepe, ma che è sia di vita che politico nel senso più pieno, poiché coinvolge i nostri corpi e le nostre menti, usando la musica sia come innesco che come mezzo per esprimersi fuori dal mercato.

Qui non esiste finzione, ma ci sono coltelli taglienti pronti a far male, o abbracci bellissimi in un momento di merda. Lo spirito continua in questo disco, nel quotidiano impegno e passione di persone che fanno dischi immensamente belli come questo, che ognuno deve sentire e fare proprio con le sue modalità, perchè il diy deve essere tale anche da parte dell’ascoltatore, che non è un consumatore ma una testa pensante. Dolcezza, cattiveria, vero cinismo e quelle sensazioni che scaldano il cuore e che a volte ritornano e tutto va bene.

ETICHETTA
Burning Bungalow ‎– none,
Scatti Vorticosi D.i.y. ‎– ,
Entes Anomicos ‎– none,
Sirboni Records ‎– SR.22,
Lanterna Pirata ‎– Lant.Prt.41,
Tuscia Clan ‎– none,
M.A.D. Productions ‎– MAD011,
Tanto Di Cappello Records ‎
SoundTown

TRACKLIST
1 Nido Di Cellophane
2 Quella Volta Che Abbiamo Perso
3 Circostanze
4 Della Propria Miseria Complici
5 Questione Di Tempo
6 Lo Sfregio Del Colosso
7 Caustica Esistenza
8 Scenario Xerox
9 Mimes

URL Facebook
https://www.facebook.com/lanterna.pirata/

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.