Kuken – Kuken

Kuken - Kuken 1 - fanzine

Kuken – Kuken

Condividi:
Share

Scritta dai caratteri incerti su sfondo completamente giallo.
Certo non è sulla grafica che puntano i Kuken nuovo gruppo dei fratelli Schaul (già negli ottimi Kidnappers).

Io, lo ammetto, sono un patito delle copertine, ritengo che un album con una bella grafica acquisisca ancor più valore; se, al contrario, questo aspetto non è sufficientemente curato, gli autori sono perdonabili soltanto se il contenuto del disco è altamente sopra la media.
E’ questo il caso di questa band che negli 11 brani del suo esordio riesce a sviluppare una tale forza espressiva che non può assolutamente lasciare indifferenti (ovviamente ciò vale se siete ascoltatori del true rock’n’roll, se amate il post-rock potrà al contrario solo irritarvi ed io, dall’alto della mia immensa bontà, saprò compatirvi).
Ma torniamo a noi ed andiamo ad ascoltarcelo questo album che dura poco più di venti minuti e che gira a 45 giri (!?!): ci sono i Ramones più motivati (F.U.A.H.), il rock’n’roll sparato a mille all’ora (5$ trick), il rooots punk assai poco ortodosso (Nosebleed) e persino un po’ di, falsa, pacatezza (House horse pig).
Sul tutto aleggia l’ombra lunga ed inconfondibile di Jay Reatard (più quello dei dischi solisti che non con i Reatardes).
I nostri vengono da Amburgo e, se mi consente una digressione di tipo calcistico, li vedo come tifosi del St.Pauli: francamente, se fossero sostenitori dell’altro club cittadino (di cui neanche voglio fare il nome), non mi capaciterei di come possano comporre canzoni tanto belle ed esplosive.

Tracklist:
1.Black Rose
2.Pretty Dull
3.F.U.A.H.
4.5$ Trick
5.Stranded
6.Nothin` For You
7.Nosebleed
8.House Horse Pig
9.Suicide Train
10.Stickmeat
11.Fight Back

KUKEN – Facebook

Condividi:
Share
Tags:
Il Santo
calcagnoluca31@gmail.com

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.