iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Kongh – Counting Heartbeats

Un salto all’indietro fortemente consigliato

Kongh – Counting Heartbeats

La riedizione di Counting Heartbeats, full-length di esordio della sludge-doom band svedese Kongh, a cura della Agonia Records, è una di quella classiche operazioni in grado di fornire un senso ad iniziative di questi tipo che invece, frequentemente, rappresentano solo un modo come un altro per spillare quattrini agli appassionati senza fornire motivi particolarmente validi per procedere all’acquisto.

In questo caso, al contrario, pretesti per investire qualche eruro ce ne sono diversi, a patire dal valore intrinseco del disco , che resta senza dubbio una delle migliori espressioni del genere pubblicate nello scorso decennio e picco assoluto nella carriera dei Kongh, anche se “Shadows Of The Shapeless” e, soprattutto, il recente “Sole Creation” restano in ogni caso dei buonissimi lavori.
Il secondo dei due cd della lussuosa confezione, che nella sua prima tiratura comprende anche una t-shirt della band, contiene invece il demo d’esordio risalente al 2006 e soprattutto la lunghissima Drifting On The Waves, pubblicata originariamente nello split con gli Ocean Chief.
Questa riedizione costituisce, quindi, una succulenta occasione sia per chi non conosce ancora i Kongh sia anche per chi ha già avuto modo di apprezzare il loro sludge-doom ipnotico e a tratti inquietante, caratterizzato dal frequente uso di isolati ed ossessivi accordi di chitarra.
Insomma, per una volta, un salto all’indietro fortemente consigliato.

Tracklist:
DISC I
Counting Heartbeats:
1. Pushed Beyond
2. Counting Heartbeats
3. Adapt The Void
4. Megaprimatus
5. Zihuatanejo

DISC II
Demo 2006:
1. Zihuatanejo
2. Adapt The Void
3. Turn Into Dust
4. Thunders Collide
Split with Ocean Chief:
5. Drifting on Waves

Line-up :
Tomas Salonen – Drums
David Johansson – Guitars, vocals
Oscar Ryden – Bass

KONGH – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.