iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Keep On Rotting – Unforeseen Consequences

Primo lavoro sulla lunga distanza per i Keep On Rotting.

Keep On Rotting – Unforeseen Consequences

Esordio sulla lunga distanza per il combo ceco Keep On Rotting, attivo da più di dieci anni, ma avaro di uscite discografiche, avendo solo all’attivo un Ep risalente al 2011 dal titolo “The Beginning”.

Unforeseen Consequences è un esempio di death metal che viaggia tra parti brutal dettati dal growl, ed una predisposizione per i suoni estremi moderni, con l’inserimento, a tratti, di parti atmosferiche, il tutto sempre all’insegna di una tensione altissima.
I musicisti coinvolti ci sanno fare eccome con il loro strumento, creando all’interno dei brani sia momenti di death tecnico molto ben eseguito sia parti in cui le ritmiche si avvicinano al thrash.
Grande è il lavoro delle due asce, che elaborano intricati solos e parti leggermente più melodiche, ottime quando cavalcano ritmiche potenti e veloci con gran piglio (Stepi e Ladin, quest’ultimo anche al microfono), e tecnicissima la sezione ritmica, molto varia nel creare strutture su cui si poggia il sound della band (Otho al basso e Hanzz al drumkit).
Poco più di mezzora nella quale il gruppo si disimpegna con disinvoltura tra i generi elencati, ricordano band diverse, a conferma della varietà delle composizioni, passando così dal brutal dei Cannibal Corpse al death/thrash degli At The Gates, per arrivare molto vicino a band dal sound moderno come Shadow’s Fall, e all’hardcore, con un brani come Lethe.
Bravissimi a livello tecnico, i Keep On Rotting, senza far gridare al miracolo, confezionano un lavoro che potrebbe piacere a diversi fan del metal estremo senza paraocchi e con buon orecchio per far proprie le varie sfumature racchiuse in Unforeseen Consequences.

Tracklist:
1. Introitus
2. Beneath the Grandma’s Stroke
3. Freud’s Secret Desire
4. Ones and Noughts Pool
5. Rewarded with Extinction
6. To Die on Time
7. Lethe
8. Unforeseen Consequences
9. Rucník, který nikdy neuschne

Line-up:
Otho – Bass
Hanzz – Drums
Štepi – Guitars
Ládin – Guitars, Vocals

KEEP ON ROTTING – Faecbook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta