Jesus Franco & The Drogas – No(w) Future

Jesus Franco & The Drogas – No(w) Future

Jesus Franco & the Drogas No(w) FutureTorna – dopo tre anni di assordante silenzio – la band con il nome più geniale del mondo.

Ma ovviamente non può una ragione sociale, sia pur geniale, fare la grandezza di una band ed esattamente come fatto in passato il quartetto marchigiano tornare a mostrare le proprie doti non comuni nei sette brani di questo nuovo album. Le danze si aprono con Acufene un lungo, sporchissimo e stralunato pezzo stoner che la dice lunga sullo stato di “forma” del gruppo. Seguono altri proiettili d’argento che ucciderebbero il più coriaceo fra i vampiri come l’hard-punk di Right Or Wrong che mi ha ricordato band che hanno allietato la mia giovinezza quali Hypnotics, Birdhouse e A-10 quando il garage-punk si induriva per diventare sempre più stoogesiano e la furiosa Blast-O-Rama sparata direttamente inyourface all’improvvido ascoltatore (l’assolo di chitarra è talmente caotico che si fa adorare, ed io odio gli assoli).

Una menzione a parte la merita la lunga Wake Up, canzone che chiude le ostilità (mai termine fu più adatto); la mia educazione punk infatti mi ha sempre portato a provare una sana avversione per i pezzi più lunghi di tre/quattro minuti, ebbene in questo caso devo fare un’eccezione perché i quasi 10 del brano in questione scorrono con un “piacere” che è difficile descrivere.

La magnifica copertina raffigurante un’avvenente fanciulla intenta a scattarsi un selfie con sullo sfondo un fungo atomico, immagine che ribadisce con forza la scarsa stima (eufemismo) della band nei confronti dell’attuale società, non fa altro che aggiungere valore ad un disco che difficilmente mi stancherò di ascoltare. Ora esco fuori di casa con un pennello grande (e non con un grande pennello) e vergo sul muro una di quelle scritte old school:

W Jesus Franco (uno dei miei registi preferiti),

W la droga (uno dei miei passatempi preferiti),

W Jesus Franco & the Drogas (uno delle mie band italiane – e non solo – preferite).

Complimenti ragazzi di genti marce sporche e imbecilli come voi, notare la citazione colta, ce ne sarà sempre bisogno!

Track List
1) Acufene,
2) No Talent Show,
3) Right Or Wrong,
4) Some People,
5) Blast-O-Rama,
6) Brain Cage,
7) Wake Up

Etichetta Label
Bloody Sound Fucktory

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.