iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Japanese Gum – High Dreams

Una nuvola di sogni che si alza sopra le nostre vite metropolitane e ci porta dove vorremmo essere sempre.

Japanese Gum – High Dreams

Una nuvola di sogni che si alza sopra le nostre vite metropolitane e ci porta dove vorremmo essere sempre: i Japanese Gum fanno i Japanese Gum.

Si può al limite dire che facciano elettronica, ma tutte le definizioni stanno loro strette. Dal vivo sono mastodontici per neuroni impiegati e piegati. Su disco sono splendidi e dimostrano che la musica può davvero essere molte cose.
Notati maggiormente all’estero piuttosto che in patria, i nostri hanno già suonato in vari festival sparsi per il globo terracqueo, come lo SXSW ad Austin, e tanti altri. Il duo Davide Cedolin e Paolo Tortora dal vivo diventa trio con l’aggiunta di Giulio Fonseca.
Il disco è esattamente quello che vuole essere fin dal titolo High Dreams, ovvero sogni stonati e distonati, flussi di coscienza in musica, arte visual su supporto fonografico. Nulla è prevalente, ma tutto compare, si può interrompere un flusso per farne cominciare un altro, schizofrenia psichedelica.
I Japanese Gum sono musicovori e si sente molto bene, dallo shoegaze agli Slowdive, al dub altro che si può sentire se si presta orecchio, meglio se due.
Un disco che si può sentire dalla fine, dall’inizio o dal mezzo di una canzone.
Il sogno si interromperà solo quando i Japanese Gum smetteranno di entrare nel vostro cervello.
Allora, e solo allora, si tornerà alla scelta fra pillola rossa, pillola blu o Japanese Gum.
A voi la scelta.

Tracklist:
1.Fine Again
2.Comfy
3.Foam Made Floor
4.Corporeal
5.Homesick
6.Hi Dreams
7.Ignored
8.How To Sleep Well
9.Waterfall

Line-up:
Paolo Tortora
Davide Cedolin

JAPANESE GUM – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Avatar
    il santo
    Posted at 12:02h, 30 Luglio Rispondi

    In questo 9 leggo un certo conflitto d’interessi!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.