Jamie Lee Smit – Mon Amour Monique

Esordio solista di Jamie Lee Smit, singer dei Azylya, qui alle prese con un rock dall'elevato appeal radiofonico.

Jamie Lee Smit – Mon Amour Monique

Per chi ancora non la conoscesse, Jamie Lee Smit √® la vocalist dei belgi Azylya, band gothic metal con la quale ha realizzato due lavori, l’ep ‚ÄúThanathos‚Äô Insanity‚ÄĚ, debutto discografico del 2011, e ‚ÄúSweet Celebral Destruction‚ÄĚ del 2013, album che li ha fatti conoscere al pubblico europeo.

Mon Amour Monique è il suo disco solista, scritto, composto e prodotto da Riccardo Daga, interpretato e cantato interamente dalla cantante usando la sua lingua madre (il francese): ne esce un album piacevole, una raccolta di canzoni all’insegna di un indie rock insaporito da un pizzico di new wave, in cui la lingua transalpina dona eleganza e raffinatezza.
Scorrono lineari e avvolgenti le trame di questo lavoro, la musica rilassa, anche nelle parti dove la chitarra si fa pi√Ļ intraprendente, accompagnando le storie che via via si susseguono, interpretate magistralmente dalla Smit, assolutamente a suo agio con l’idioma usato.
Quello che si pu√≤ ascoltare qui √® un rock moderno, dai toni drammatici ma delicati, molto radiofonico ed in linea con i gusti attuali, colmo di brani dall’appeal commerciale altissimo (Revivre e la seguente Tara) dove la cantante emoziona con la sua voce dolcissima, a tratti struggente, regalando in alcuni casi interpretazioni (L’Amour De Freddy)¬†in grado di fornire al lavoro una marcia in pi√Ļ.
I brani si mantengono su livelli alti, senza cadute di tono, in modo che i quaranta minuti scarsi di durata scivolino via sempre con l’orecchio rivolto alla bellissima singer, che non si risparmia nel catturare l’attenzione, risultando davvero brava anche nel genere proposto nel suo lavoro solista.
Se siete amanti del rock alternativo con reminiscenze dark wave, Mon Amour Monique può risultare un ottimo ascolto, con il suo sound moderno e tutti i crismi per ritagliarsi uno spazio importante nelle rotation delle stazioni rock radiofoniche della vecchia Europa.

Tracklist:
1.Club 27
2.Revivre
3.Tara
4.Bye Bye You
5.66 Road
6.L’amour De Freddy
7.Comme Un Soldat
8.Sur La Piste Des Elephants
9.Histoire De Serpent
10.Waiting For My Ghost

Line-up:
Jamie Lee Smit – Vocals

JAMIE LEE SMIT – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

LES LULLIES – MAUVAISE FOI

A cinque anni dal fragoroso album di debutto omonimo (un ruspante affresco di dieci episodi di veloce garage punk senza fronzoli) i francesi Lullies tornano sulle scene con un nuovo disco, “Mauvaise Foi” (Bad Faith) uscito, a fine maggio, sempre su Slovenly Rercordings.Il secondo Lp

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.