Inutili – Music To Watch The Clouds On A Sunny Day

Inutili – Music To Watch The Clouds On A Sunny Day

Degli abruzzesi Inutili non sono riuscito a trovare quasi nessuna informazione (non so da quanto suonano, non so chi ci suona, non so quanti dischi abbiano fatto), l’unica cosa certa è che questo Music To Watch The Clouds On A Sunny Day esce per Aagoo Records e che si compone di due pezzi (entrambi sui venti minuti di durata).

L’album è un travolgente ed intenso viaggio garage/psichedelico in un mondo fatto di suoni sgranati (tutti gli strumenti presentano un qualcosa di sgraziato che li rende più intriganti, pastosi e corposi) dove, affidandosi ad una sezione ritmica solida e costante, le chitarre (ma non solo) danno vita ad infiniti mondi fatti di sogni, allucinazioni, ritorni alla realtà, terremoti e tempeste. Tenendo conto che l’unico modo per comprendere il disco è ascoltarlo decisamente a fondo (molto di più che con qualsiasi altro lavoro), si può solo dire che ci troviamo di fronte a un’ampia e intensa distesa sonora fatta di ottime idee e passione. Se volete perdervi e non ritrovarvi mai più, dopo questo ascolto sarete già a metà dell’opera.

Tracklist:
01. Fry Your Brain
02. Drunk Of Colostro

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati