iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Innsmouth – The Shadow Over Innsmouth

Technical death/black dai rimandi prog è quello che propongono i danesi Innsmouth in questo riuscito esordio.

Innsmouth – The Shadow Over Innsmouth

Esordio da non perdere questo buon album di death metal tecnico, dai rimandi black, per i danesi Innsmouth, combo dalle buone potenzialità che mostra negli otto brani di questo The Shadow Over Innsmouth una propensione per il progmetal capace di donare al lavoro in questione ottime trame chitarristiche e sfuriate thrash.

La band (che come si può intuire dal monicker prescelto e dallo stesso titolo dell’album, si nutre dell’immaginario lovecraftiano), assestatasi definitivamente nel 2012, consta di tre elementi, Thor Sejersen Riis, che si adopera con risultati ottimi alla sei corde e organizzando i sampler delle tastiere con Peter Dahlgaard Mark, Kim Brandhoj, vocalist a suo agio sia nel growl sia nello screaming e Martin Munch Christensen al basso; la batteria purtroppo è programmata e toglie mezzo punto a questo lavoro, dimostrandosi troppo fredda per il genere suonato ed inevitabilmente un po’ monocorde.
Per il resto si viaggia a ritmi altissimi con in bella evidenza i solos di Riis, chitarrista talentuoso che passa da ritmiche forsennate a scale dal sapore progmetal, a tratti sconfinando nel metal neoclassico: sorta di Malmsteen estremo, l’axeman danese è l’autentico mattatore di The Shadow Over Innsmouth.
Le influenze, per nulla scontate in questo ambito, vanno dal death tecnico di Origin ed Obscura a quello black-oriented di Behemoth e Nile, per tuffarsi nei lavori dei migliori chitarristi in circolazione, in ambito metallico, da Michael Romeo al già citato Malmsteen, senza dimenticare Mike Petrucci.
Otto brani di devastante metal estremo compongono così questo lavoro nel quale almeno la metà sono riuscitissimi esempi di death tecnico, per nulla cervellotico ma dalla spiccata componente melodica, in rapporto ai canoni del genere, che sranno graditi anche a chi predilige suoni più classici.
Fenomenale esempio di ciò sono la strumentale The Colour Out of Space, brano neoclassico per eccellenza, così come Vomiting a Hole in the Soul, che apre il lavoro, Ritual of Chud, seguita dalla Nile-oriented Under the Pyramids, e Reanimator, la traccia più death/black del lotto impreziosita da digressioni chitarristiche di ottima fattura.
A mio parere urge un batterista “umano” per migliorare la sezione ritmica, a maggior ragione alla luce dei risultati ottenuti con questo primo album, per cui attendiamo gli Innsmouth alla prossima prova.

Tracklist:
1. Vomiting a hole in the soul
2. Dreams of slowly drowning
3. Ritual of Chud
4. Under the pyramids
5. Klaatu Verata Nicto
6. ReAnimator
7. The colour out of space
8. The shadow over Innsmouth

Line-up:
Thor Sejersen ‘Krieg’ Riis – Lead, Rhythm and Clean Guitars
Kim ‘Dvergur’ Brandhøj – Vocals
Martin Munch ‘Der Mönch’ Christensen – Bass

INNSMOUTH – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta