Inhaler Collective – Hunger

Inhaler Collective

Inhaler Collective – Hunger

Inhaler Collective - Hunger

Inhaler Collective – Hunger

Giri di basso che disegnano mondi fondendosi con voci calde e un ritmo che coinvolge e non può lasciare indifferenti.

In sostanza è questo il nuovo albume degli Inhaler Collective una formazione nata da un’idea di Joe Atkinson, brillante musicista ma anche valente reclutatore che ha saputo raccogliere intorno a sé ottimi compagni di avventura. Funk, soul, accenni jazz e tanto ritmo, sono questi i segni particolari del progetto.

Il gruppo è diviso fra Liverpool e Londra ma possiede un respiro internazionale, e la cosa interessante è che si autoproduce e che è tutto nel pieno spirito do it yourself.

Le atmosfere disegnate in questo disco sono le più disparate si va da gemme funk soul a gioielli di musica nera come It’s Real Love, uno dei pezzi più belli del lavoro, una canzone che esce direttamente dagli anni settanta del secolo passato. Le capacità compositive del gruppo fanno sì che tutto sia al suo posto, non esistono forzature, tutto fluisce molto bene spinto dalla passione di un gruppo di musicisti che ha la ferma volontà di mettersi in gioco.

Non è facile produrre un disco come questo esclusivamente con le proprie forze, ma gli Inhaler Collective ci sono riusciti in pieno e hanno fatto qualcosa di straordinario, facendoci gustare un disco oggettivamente fuori dal tempo, sensazioni e carezze che non ci lasceranno tanto facilmente. L’attuale panorama funk soul moderno è abbastanza inflazionato, la media delle produzioni è alta e Hunger si inserisce perfettamente nel meglio che possiate ascoltare in questo campo.

Una delle difficoltà di questi dischi è quella di arrivare alle orecchie degli ascoltatori, ma chi apprezza questo genere è abituato a scavare nella rete per ascoltare cose di valore, e quando scoprirà gli Inhaler Collective sarà ampiamente ripagato dalla fatica.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.