Indianizer – Neon Hawaii

Indianizer – Neon Hawaii

I piemontesi Indianizer, formazione a quattro composta da Riccardo Salvini, Gabriele Maggiorotto, Matteo Givone e Salvatore Marano, ritornano, dopo aver pubblicato due ep (“Pandas”, 2013; “Jungle Beatnik”, 2014), con i nove brani di Neon Hawaii, bizzarro concept album incentrato su bizzarri uomini del futuro che, sperando di essere salvati dalla fine del mondo dagli alieni, cercano di raggiungere le Hawaii.

From Here To Maui Maui, tra percussioni, canto d’uccelli e luminose note di chitarra, procede fresca e solare fino alle note della incalzante e crescente Pele – Aumakua (batteria e basso a reggere l’intera struttura), mentre la chitarra solitaria della breve Wekea, disegnando pacifici paesaggi al tramonto, introduce il fascino pulsante della sempre più corposa e stratificata Haumea.
Il temporale di Why Why Hawaii, trasformandosi in un morbido tappeto di nuvole grigie, attraversa i nostri timpani concedendosi solo qualche sfogo di elettricità (soprattutto nel finale), lasciando che a seguire siano il pop sbilenco di Aloha Hiku e il crescere fatto di chitarre impastate, basso e batteria di (Big Big) Sea.
Swallow Me, infine, fingendo di ammainare le vele, costruisce un breve ma granitico muro di chitarra, prima di spegnersi fra le braccia della rilassata e pacifica Nu U.

I nove brani di Neon Hawaii, tutti collegati fra loro, raccontano, in maniera bizzarra, della ricerca della pace da parte delle persone. Un’avventura imbevuta di sonorità tropicali che merita di essere ascoltata tutta d’un fiato, senza interruzioni. Una fuga dalla realtà che, anche nei momenti più burrascosi, riesce a trovare un modo o un suono per rassicurare. Un debutto piacevole che non delude in nessuna sua parte.

TRACKLIST
01. From Here To Maui Maui
02. Pele – Aumakua
03. Wekea
04. Haumea
05. Why Why Hawaii
06. Aloha Hiku
07. (Big Big) Sea
08. Swallow Me
09. Nu U

LINE-UP
Riccardo Salvini
Gabriele Maggiorotto
Matteo Givone
Salvatore Marano

INDIANIZER – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.