Impalers – God From The Machine

Impalers – God From The Machine

Un arpeggio acustico ci introduce a Future Void, si sentono boati in lontananza, poi il rumore si avvicina, l’elettricità riempie il silenzio e come un aereo in picchiata i watt esplodono sulle nostre teste e il sound di God From The Machine si libera in una devastante prova di forza: benvenuti nel mondo del teutonic thrash metal.

Gli Impalers sono una band danese al secondo full length, freschi di firma per la Crime Records e protagonisti negli ultimi anni di altre due uscite: il debutto “Power Behind The Throne” del 2013 e l’ep dello scorso anno “Prepare For War”.
Da segnalare, oltre l’ottimo sound del lavoro, la copertina ad opera di Par Oloffson, al lavoro anche per band del calibro di Exodus, Immortal e Job For A Cowboy.
In questo nuovo album si viaggia spediti su strade solcate dai gruppi tedeschi, storici alfieri di un modo di suonare il thrash che ha fatto scuola con la triade Sodom, Kreator, Destruction, anche se gli Impalers non mancano di aprire il loro sound, a tratti, all’altra faccia della stessa medaglia, il suo alter ego statunitense, con ottimi rallentamenti e soluzioni melodiche dai solos heavy ben congegnati.
Le vocals aggressive ed una velocità di esecuzione al limite del consentito, fanno di questo lavoro una tranvata niente male: il songwriting maturo lascia che le canzoni, dalla durata medio alta per il genere, abbiano nelle ritmiche e nelle atmosfere cangianti il loro punto di forza, dimostrando nelle molte parti strumentali il valore dei musicisti coinvolti.
L’impatto con il disco è di quelli che scaraventano al muro, con le prime quattro song di ottimo metal furioso e devastante e, dopo l’opener, la band spara mitragliate del calibro della title track, di Prepare For War e Beyond Trinity, mettendo in risalto l’ottima sezione ritmica composta da Kenneth Frandsen al basso e Ramus Kjaer alle pelli.
Le due asce non sono da meno, le dita di Soren Crawack, anche al microfono, e del solista Thomas Carnell, volano sui manici per regalarci solos che lampeggiano nel cielo come fulmini, imprendibili.
L’album ha il suo picco nello strumentale The Wall Of Eryx, bissato dalla massacrante e violentissima I Am Revolution, ottimo esempio di feroce thrash metal made in Germany, finendo la sua corsa verso l’implosione con The Vulturine, brano da massacro in sede live e ottima conclusione di un lavoro imperdibile e consigliato ai fan del genere.

Tracklist:
1. Future Void
2. God from the Machine
3. Prepare for War
4. Beyond Trinity
5. Destroy the Meek
6. Ghost
7. The Walls of Eryx
8. I Am Revolution
9. The Vulturine

Line-up:
Søren Crawack – Vocals, Guitars (rhythm)
Rasmus Kjær – Drums
Thomas Carnell – Guitars (lead)
Kenneth Frandsen – Bass

IMPALERS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.