Ignotum – Ignotum

Ignotum - Ignotum 1 - fanzine

Ignotum – Ignotum

Ep di debutto per i comaschi Ignotum, autori di un intrigante black-death non privo di spunti personali.

Infatti, anche se in apparenza la struttura dei brani sarebbe ascrivibile ad un black dai tratti sufficientemente melodici, caratterizzato da blast beat furiosi contrapposti a frequenti assoli di chitarra, va detto che i rallentamenti piuttosto marcati e l’uso del growl si avvicinano maggiormente ad un impostazione death; le due sfumature stilistiche convivono senza particolari affanni fornendo, al contrario, la sensazione d’aver raggiunto un’amalgama non sempre così scontata.
Soul’s Self Mutilation è forse il brano che meglio sintetizza questa convergenza di generi, grazie ad un’impronta melodica più spiccata, ma è l’Ep nel suo complesso a dimostrare che gli Ignotum sono una band preparata oltre che capace di non fossilizzarsi su standard predefiniti.
Chiaramente questa è una proposta che non appare di facilissima fruizione, anche perché non si abusa di soluzioni particolarmente orecchiabili puntando invece più sull’impatto, talvolta in contrapposizione a momenti di calma apparente, durante i quali è possibile apprezzare la tecnica della band lombarda.
Quattro brani forse non sono sufficienti per poter fornire un giudizio esaustivo sull’operato degli Ignotum, ma la sensazione che resta è quella di una realtà dalle potenzialità non indifferenti; li attendiamo quindi con una certa curiosità mista ad impazienza alla prova del primo del full-length .

Tracklist:
1. In Skinless Dream (Oceani Senza Fine)
2. Soul’s Self-Mutilation (Fondali d’Oro e Rovine)
3. Through Madness Reminiscence (Follia d’Adorazione Perpetua)
4. Mary L.

Line-up :
Marco Capuzzo – Vocals
Luca Borghesi – Guitar
Fabio Guereschi – Guitar
Jonathan Verderio – Bass
Federico Mascetti – Drums

IGNOTUM – Facebook

Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.