iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Horned Almighty – World Of Tombs

Un’ottima prova per una band relegata finora in seconda fascia ma con ben poco da invidiare a nomi più celebrati.

Horned Almighty – World Of Tombs

I danesi Horned Almighty arrivano alloro quinto full-length, in poco più di dieci anni di attività, con questo World Of Tombs pubblicato dalla Scarlet Records.

Il black metal della band si sviluppa in maniera piuttosto lineare e con una ritmica accattivante conferita dal sound “roll” del quale sono intrisi tutti i brani; va detto, però, che rispetto ad altre band dedite allo stesso tipo di sonorità, il quartetto di Aarhus si fa apprezzare per una maggiore dose di corrosiva malvagità.
Chiaramente il meccanismo è noto, e stare a parlare in questa occasione di originalità è francamente tempo perso: ciò che conta è la capacità degli Horned Almighty di sparare una quarantina di minuti dai ritmi incessanti e coinvolgenti che, a conti fatti, hanno la caratteristica di apparire più freschi rispetto a riproposizioni simili eseguite da parte di band ben più note.
World Of Tombs scorre via veloce come un torrente in piena e, alla fine, quella punta di ripetitività degli schemi viene compensata da una prestazione rimarchevole di una band che sa il fatto proprio, a partire da S. , vocalist e fondatore degli Horned Almighty (assieme al chitarrista Hellpig), dotato di un ruggito semi-growl impeccabile.
Dalla title-track a Blessed by Foulness (dotata di ottimi passaggi rallentati nella sua parte finale) il disco si snoda senza particolari cali di tensione e, chi vuole ascoltare del black dotato di un buon groove senza rinunciare ad un’oncia dell’aura maligna che il genere richiede, qui troverà pane per i propri affilati denti.
Nella versione digipack troviamo anche Twisted Mass of Burnt Decay, ottima cover del brano degli Autopsy, a conferma della contiguità tra black e death a livello di attitudine, benché molti si ostinino a voler scavare profondi solchi in corrispondenza dei confini tra i due generi.
Un’ottima prova per una band relegata finora in seconda fascia ma con ben poco da invidiare a nomi più celebrati.

Tracklist:
1. Intro
2. World of Tombs
3. Diabolical Engines of Torment
4. Unpure Salvation
5. Plague Propaganda
6. …of Flesh and Darkness
7. In Torture We Trust pt. II
8. This Unholy Dwelling
9. Blessed by Foulness
10. Twisted Mass of Burnt Decay

Line-up:
Hellpig – Bass, Guitars
S. – Vocals
Harm – Drums
Haxen – Bass

HORNED ALMIGHTY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.