iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Hooded Menace / Loss – A View From The Rope

Questo lavoro, per quanto breve è, nel suo piccolo, un’esemplare dimostrazione di musica opprimente e capace di trascinare l’ascoltatore in una desolante ed immutevole oscurità.

Hooded Menace / Loss – A View From The Rope

Un altro split a base di doom nero come la pece arriva a stendere il suo nero velo su un’estate che tarda ad arrivare o che, molto probabilmente, mai arriverà.

La Doomentia Records, in quest’occasione propone due nomi di spicco quali i finlandesi Hooded Menace e gli statunitensi Loss.
Il compito di aprire spetta quindi ai nordici i quali, dopo un avvio ingannevolmente ritmato, ci regalano in realtà il loro death-doom di grande spessore e profondità, con rallentamenti ai confini del funeral e sorretto da uno splendido lavoro della chitarra solista, oltre che dal growl infermale del leader Lasse Pyykkö: Monuments of Misery è una traccia che conferma la band finnica tra i massimi esponenti del genere in questo momento.
I Loss mettono sul piatto, invece, la loro matrice funeral, con un brano terrificante, in senso positivo ovviamente, come Depression’s Hammer, una via crucis relativamente breve nella sua durata, contraddistinta dall’utilizzo della voce gorgogliante di chi, oppresso dal peso della propria esistenza e dei relativi fallimenti, fatica quasi a comunicare in maniera percettibile il dolore e la disperazione che lo attanaglia; gli sporadici spiragli melodici non riescono ad infrangere la densa cappa di oscurità che avvolge il brano, evidenziando in maniera netta quanto la band di Nashville risulti molto più ostica all’ascolto rispetto agli Hooded Menace.
Questo lavoro , che peraltro beneficia anche di una splendida copertina, ulteriormente valorizzata dal formato 12”, per quanto breve è, nel suo piccolo, un’esemplare dimostrazione di musica opprimente e capace di trascinare l’ascoltatore in una desolante ed immutevole oscurità.
C’è più di un buon motivo, quindi, per procurarsi A View From The Rope.

Tracklist:
1. Hooded Menace – Monuments of Misery
2. Loss – Depression’s Hammer

Line-up:
Hooded Menace
Lasse Pyykkö Guitars – Vocals
Pekka Koskelo – Drums
Markus Makkonen – Bass
Teemu Hannonen – Guitars (rhythm)

Loss
John Anderson – Bass
Jay LeMaire – Drums
Timothei Lewis – Guitars
Mike Meacham – Vocals, Guitars

HOODED MENACE – Facebook
LOSS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico