iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Helleborus – The Carnal Sabbath

Gli Helleborus propongono una versione del black metal melodico sufficientemente personale e robusta, sciorinando una decina di brani di grande impatto.

Helleborus – The Carnal Sabbath

Ci eravamo già imbattuti nei fratelli Houseman in occasione del loro ultimo lavoro targato Akhenaten, progetto dedito ad un death/black intriso di una forte componente etnica rivolta a sonorità egizie ancor più di quanto non avessero mai fatto gli stessi Nile, precursori di questo particolare tipo di contaminazione.

La riuscita di quell’opera aveva portato alla luce una coppia di musicisti di talento (specialmente Jerred, che si occupa in toto della strumentazione, lasciando a Wyatt il compito di condire il tutto con la sua aspra interpretazione vocale), per cui questa nuova uscita a nome Helleborus (l’elleboro, o rosa di Natale, è un fiore molto bello ma altrettanto tossico, dal quale vanno tenuti doverosamente alla larga bambini ed animali) incuriosiva non poco, preannunciando i nostri alle prese con un teorico symphonic black.
Detto che il genere citato si presta a frequenti scivoloni, che si concretizzano per lo più con una sovrabbondanza di tastiere che va a snaturare la matrice estrema del sound, gli Helleborus, con il loro primo full length The Carnal Sabbath, si tengono alla larga da questo rischio, proponendo una versione sufficientemente personale e robusta, sciorinando una decina di brani di grande impatto, tra i quali troviamo i tre singoli pubblicati in precedenza (Coils, Colored Spoes of Yuggoth e The Carnal Sabbath, tutti davvero notevoli).
In effetti, più che rifarsi a Dimmu Borgir e compagnia, gli Helleborus optano per una forma di black/death melodico non dissimile dallo stile dei primi Catamenia, per intenderci, e non a caso l’uso delle tastiere è misurato costituendo, alla fine, un mero accompagnamento all’incisivo lavoro della chitarra di Jerred ed al growl di Wyatt.
Non resta che citare altri due brani come la ficcante Edge of Black Waters e la splendida Temple of Seventh Death, nella quale una chitarra lontana dagli stilemi del black si prende meritatamente la scena, prima di consigliare questo ottimo album a chi voglia fare la conoscenza degli Houseman bros., andando magari a recuperare anche quanto fatto l’anno scorso come Akhenaten.

Tracklist:
1. Helleborus Black
2. Coils
3. Edge of Black Waters
4. Colored Spoes of Yuggoth
5. Draconian Discipline
6. The Poison of Sleep
7. Temple of Seventh Death
8. A Gift of Renewal
9. The Carnal Sabbath

Line-up:
Jerred Houseman – All instruments
Wyatt Houseman – Vocals

HELLEBORUS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.