Helleborus – The Carnal Sabbath

Helleborus – The Carnal Sabbath 1 - fanzine

Helleborus – The Carnal Sabbath

Condividi:
Share

Ci eravamo già imbattuti nei fratelli Houseman in occasione del loro ultimo lavoro targato Akhenaten, progetto dedito ad un death/black intriso di una forte componente etnica rivolta a sonorità egizie ancor più di quanto non avessero mai fatto gli stessi Nile, precursori di questo particolare tipo di contaminazione.

La riuscita di quell’opera aveva portato alla luce una coppia di musicisti di talento (specialmente Jerred, che si occupa in toto della strumentazione, lasciando a Wyatt il compito di condire il tutto con la sua aspra interpretazione vocale), per cui questa nuova uscita a nome Helleborus (l’elleboro, o rosa di Natale, è un fiore molto bello ma altrettanto tossico, dal quale vanno tenuti doverosamente alla larga bambini ed animali) incuriosiva non poco, preannunciando i nostri alle prese con un teorico symphonic black.
Detto che il genere citato si presta a frequenti scivoloni, che si concretizzano per lo più con una sovrabbondanza di tastiere che va a snaturare la matrice estrema del sound, gli Helleborus, con il loro primo full length The Carnal Sabbath, si tengono alla larga da questo rischio, proponendo una versione sufficientemente personale e robusta, sciorinando una decina di brani di grande impatto, tra i quali troviamo i tre singoli pubblicati in precedenza (Coils, Colored Spoes of Yuggoth e The Carnal Sabbath, tutti davvero notevoli).
In effetti, più che rifarsi a Dimmu Borgir e compagnia, gli Helleborus optano per una forma di black/death melodico non dissimile dallo stile dei primi Catamenia, per intenderci, e non a caso l’uso delle tastiere è misurato costituendo, alla fine, un mero accompagnamento all’incisivo lavoro della chitarra di Jerred ed al growl di Wyatt.
Non resta che citare altri due brani come la ficcante Edge of Black Waters e la splendida Temple of Seventh Death, nella quale una chitarra lontana dagli stilemi del black si prende meritatamente la scena, prima di consigliare questo ottimo album a chi voglia fare la conoscenza degli Houseman bros., andando magari a recuperare anche quanto fatto l’anno scorso come Akhenaten.

Tracklist:
1. Helleborus Black
2. Coils
3. Edge of Black Waters
4. Colored Spoes of Yuggoth
5. Draconian Discipline
6. The Poison of Sleep
7. Temple of Seventh Death
8. A Gift of Renewal
9. The Carnal Sabbath

Line-up:
Jerred Houseman – All instruments
Wyatt Houseman – Vocals

HELLEBORUS – Facebook

Condividi:
Share
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.