iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ghost Voyage – Endless Oceans

La sensazione è che questi ragazzi finlandesi siano in grado di regalarci in tempi brevi un lavoro di spessore ancora più elevato di quello già oltremodo soddisfacente esibito in questo loro full-length d’esordio.

Ghost Voyage – Endless Oceans

Se per certi versi suonare metal in Finlandia è senz’altro meno complicato oltre che più gratificante rispetto a quanto accade in altre nazioni, è fuor di dubbio che, a seconda del genere prescelto, una nuova band finisce quasi sempre per imbattersi, già in casa propria, in termini di paragone piuttosto ingombranti.

Così, chi decide di cimentarsi nel death-doom melodico, come accade ai Ghost Voyage, all’esordio su lunga distanza con questo Endless Oceans, non può evitare di sottrarsi al confronto con una delle band che negli ultimi due decenni ha meglio interpretato questo stile musicale, ovvero gli Swallow The Sun.
Una formazione a specchio, la tastiera che tesse sullo sfondo atmosfere analogamente drammatiche e la voce di Teppo Hyttinen che ricalca quella di Kotamaki nei caratteristici momenti di passaggio tra growl e streaming, sono indizi ampiamente sufficienti per costituire una prova.
Ma, nonostante ciò, Endless Oceans non è certo una brutta copia degli ultimo lavori di Raivio e soci e, se il parallelismo sorge spontaneo, non si possono certo incolpare i ragazzi di Tampere se qualcuno è arrivato a proporre in maniera superlativa questo tipo di sound molto prima di loro.
Qual’è quindi la ricetta per superare questo ostacolo ? Innanzitutto il songwriting, che nel caso dei Ghost Voyage è assolutamente brillante ed evocativo come il genere richiede; i passaggi emozionanti si susseguono con buona regolarità e la senzazioone di deja-vu è ampiamente compensata da brani oggettivamente di assoluto valore quali The Paragon, con il suo finale di rara intensità emotiva, le più “swallow-oriented” Ghost Of Dawn e Mourning Waters e la più riflessiva Heart Of the Endless, senza tralasciare la multiforme traccia di chiusura, Endless Oceans Of Sin, caratterizzata da una costante alternanza delle atmosfere.
I Ghost Voyage cercano di affrancarsi parzialmente dalle citate e neppure troppo nascoste influenze, inserendo con una certa frequenza momenti acustici di indubbio gusto, spesso arricchiti dall’uso del violino: l’operazione fornisce buoni risultati anche se, rispetto ai maestri, appare meno fluido e naturale il passaggio dalle strofe più melodiche alle sfuriate di stampo death.
Endless Oceans resta comunque un bel lavoro, capace di soddisfare il palato dei fan, non solo degli Swallow The Sun, ma del death-dom melodico in senso lato; la sensazione è che questi ragazzi finlandesi siano in grado di regalarci in tempi brevi un lavoro di spessore ancora più elevato di quello già oltremodo soddisfacente esibito in questo loro full-length d’esordio.

Tracklist:
01. Homecoming
02. The Paragon
03. Ghost Of Dawn
04. Mourning Waters
05. Silver Frontier
06. Journey For Redemption
07. Heart Of The Heartless
08. Endless Oceans Of Sin

Line-up :
Janne Parikka – Bass
Vilho – Drums
Panu Gavrilov – Guitars
Taneli Jämsä – Guitars
Martin Hansen – Keyboards
Teppo Hyttinen – Vocals

GHOST VOYAGE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico