G.rag & Die Landlergschwister – Schwung

G.rag & Die Landlergschwister – Schwung

Questo è un album davvero originale e godibile, mai scontato dall'inizio alla fine, e dannatamente pericoloso per la voglia di bere birra che fa venire.

Avete presente quei gruppi, perlopiù bavaresi, che si esibiscono durante le varie pseudo-oktoberfest che ci sono in giro?
Ecco più o meno con G.Rag & Die Landlergschwister siamo a quelle latitudini, ma questo gruppo ha davvero qualcosa in più.

La fondazione a otto anni fa da parte del chitarrista e cantante G.Rag (vero nome Andreas Staebler), che anche suona trash-folk con Los Hermanos Patchekos, rock minimale con i Dos Hermanos e pure no wave nel G.Rag/Zelig Implosion; in tutto ciò trova anche il tempo di suonare con questa grande band di 16 elementi, che affonda le radici nel folkore bavarese e si esibisce nei pub, nelle manifestazioni e per strada.
Il loro suono è di alta qualità e fonde appunto la tradizione bavarese con varie influenze, dal jazz al rock, all’elettronica. Tra cover e canzoni originali si è quindi sviluppato il suono targato Gschwister, ovvero una commistione di suoni che porta gioia. Tecnicamente i musicisti sono molto bravi, e le canzoni sono composte in maniera ottimale.
In questo quarto album i G.Rag & Die Landlergschwister non reinventano il loro suono, bensì vanno in profondità, immergendosi in pieno in quello che è un grande progetto.
Questa banda porta in alto un’idea di germanità davvero originale e molto godibile, e il modo migliore per goderseli è di bere un litro di birra e di ballare con la propria bella.
Non bisogna pensare di essere al cospetto di un’operazione trash o di ridicolizzazione, qui c’è un grande lavoro dietro, come nella fantastica cover di Liquidator, sentire per credere.
G.Rag & Die Landlergschwister sono un gruppo notevole e assolutamente da sentire, hanno tantissimo dentro di loro e non riuscirete a stare fermi. Troviamo addirittura una cover dei Deutsch-Amerikanische Freundschaft (Der Rauber & Der Prinz), che sono per inciso uno dei migliori gruppi elettronici della fertile storia germanica.
Questo è un album davvero originale e godibile, mai scontato dall’inizio alla fine, e dannatamente pericoloso per la voglia di bere birra che fa venire. Nettamente uno dei dischi più belli di quest’anno.
Bavarian’s finest.

Tracklist:
1. Joshua
2. Wernberger
3. Poem for the Viking of the 42nd Strett
4. Villstaler
5. Liquidator
6. Diamant
7. Fischerpolka
8. Der Rauber & Der Prinz
9. Schelln 9er
10. Prost
11. Lost on the river

G-RAG – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.