iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Fuck Knights – Puke All Over Themselves

Buttatevi con tutto il vostro entusiasmo fra le pieghe di questo disco, ascoltatene bene tutte le sfumature, non fermatevi alla superficie e vedrete che la soddisfazione sarà garantita.

Fuck Knights – Puke All Over Themselves

Innazitutto, prima di occuparci di questo disco, è d’obbligo segnalare come la sinergia fra due etichette italiane (e che etichette!) abbia consentito di far uscire un album di un gruppo rock’n’roll americano.
Questa è “immigrazione” al contrario!

Tanti gruppi italiani sono usciti, o vorrebbero uscire, per label straniere mentre l’esempio dei Fuck Knights è quello che anche nel nostro bistrattato paese c’è ancora qualche pazzo incosciente che si sente di investire un pugno di sporchi euro per pubblicare dischi.
I nostri infatti arrivano da Minneapolis ,città che ha dato i natali a Prince, Husker Du, Replacements, Babes in Toyland (oltreché ad un fitto sottobosco di band che spaziavano e spaziano fra il folk e l’hard-core) e potrebbero essere etichettati con superficialità come una garage-band.
Ma questo Puke All Over Themselves in realtà e album assai ricco di “variazioni sul tema” che dimostrano l’imprevedibilità nonché le molteplici fonti di ispirazione del gruppo.
Sono infatti solo tre infatti i pezzi autenticamente definibili come garage: Got me a real love, 13 dead cats e Baby come home, mentre per il resto troviamo il delirio etilico supportato da fiati impazziti di (I need) all of your love, il country stralunato di Be my next hit, i ritmi western alla Wall of Voodoo (?!?) di Actrative objects per chiudere con la coda psichedelica di Midnight wanderer.
Ora non mi fate i puristi fanatici e filologici del garage sound e buttatevi con tutto il vostro entusiasmo fra le pieghe di questo disco, ascoltatene bene tutte le sfumature, non fermatevi alla superficie e vedrete che la soddisfazione sarà garantita.
E poi chi, in cuor suo, non si sente di premiare una sinergia fra due etichette competenti ed appassionate come Area Pirata e Boss Hoss?

Tracklist:
1.Got Me A Real Love
2.77 Virgins
3.(I Need) All Of Your Love
4.Blood Stains In My Bed
5.13 Dead Cats
6.Be My Next Hit
7.Military Detail
8.Can’t Let Go
9.Baby Come Home
10.Unfolding Lotus Insect
11.I KNow That You Can Hear Me
12.Fine Irish Whiskey
13.Attractive Objects
14.Bring On The End Of The World
15.What Do You Want From Me?
16.Midnight Wanderer

Line-up:
Sir Gregory
Eric the Savage
Benjamin Nightinghale

FUCK KNIGHTS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Muddy Worries Fucked Up

Muddy Worries Fucked Up

la vera forza dei Muddy Worries è quella di essere poliedrici, di saper contaminare le loro canzoni con varie influenze restando assolutamente credibili.

The Brightest Room

The Brightest Room – Omonimo

Nel caso dei Brightest Room, dei quali ho avuto la fortuna di seguire la crescita artistica, si può, con cognizione di causa, parlare di questo nuovo lavoro come quello della completa maturità.