iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Forteresse – Thèmes Pour La Rébellion

Il black metal del quartetto nordamericano è lineare, melodico, epico ed intenso, legandosi alla perfezione con le tematiche indipendentiste portate avanti con grande convinzione in tutti questi anni.

Forteresse – Thèmes Pour La Rébellion

I canadesi Forteresse sono in circolazione ormai da un decennio, nel corso del quale hanno dato alla luce una serie di lavori accomunati da tematiche inerenti l’identità nazionale della loro terra, il Quebec, e soprattutto, da una qualità complessiva sempre piuttosto elevata.

Il loro quinto full length, Thèmes pour la Rébellion, non fa eccezione né per contenuti lirici (ovviamente di matrice francofona) né per l’esito finale: il black metal del quartetto nordamericano è lineare, melodico, epico ed intenso, legandosi alla perfezione con il concept portato avanti con grande convinzione in tutti questi anni.
Lo stile adottato non apporta particolari elementi innovativi e, sotto certi aspetti, lo si potrebbe ricondurre anche a certe band nordeuropee, visto il sound è pervaso da un epico lirismo accostabile, a tratti, ai Catamenia del magnifico Location: Cold; va detto che la matrice d’oltreoceano è rinvenibile comunque in quel gusto melodico che, per lo più, manca alla band del vecchio continente allorché si approcciano al genere in maniera diretta, come fanno appunto i Forteresse.
In Thèmes pour la Rébellion tale aspetto è del tutto appannaggio di un lavoro chitarristico che tesse con continuità armonie ben memorizzabili, mentre le tastiere svolgono un lavoro di cucitura misurato quanto efficace.
In una quarantina di minuti i Forteresse ci raccontano il loro punto di vista sui movimenti di ribellione contro il dominio britannico che ebbero come fulcro proprio il Quebec, nel 1837, e che furono propedeutici all’ottenimento dell’indipendenza del Canada.
Il disco è compatto, privo di momenti deboli e convince appieno nonostante le giustificate obiezioni di chi ne lamenterà la relativa originalità: di fronte a splendide bombe sonore come Spectre de la Rébellion e Vespérales, francamente c’è solo da inchinarsi di fronte alla capacità dei Forteresse di coinvolgere l’ascoltatore, mantenendo sempre elevata una tensione emotiva che si estrinseca nelle melodie sprigionate dalla chitarra solista.
Un lavoro da godersi cercando di coglierne la reale essenza, tenendo ben presente il fatto che la spinta indipendentista è una materia concreta e non solo un pretesto lirico, e sfruttando magari l’occasione per andare a ripescare le precedenti uscite.

Tracklist:
1. Aube de 1837
2. Spectre de la Rébellion
3. Là où Nous Allons
4. Par la Bouche de mes Canons
5. Le Sang des Héros
6. Forêt d’Automne
7. Vespérales
8. Le Dernier Voyage

Line-up:
Athros – Vocals
Moribond – Rhythm guitars/bass
Matrak – Lead guitars
Fiel – Drums

FORTERESSE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.