iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Feign – Lost To Eternity

"Lost To Eternity" è una prova davvero di buona qualità che, se replicata in un formato più lungo, potrebbe rendere il monicker Feign qualcosa di ben più importante rispetto a quello di una (per ora) misconosciuta one man band d’oltreoceano …

Feign – Lost To Eternity

Esordio con questo demo di tre tracce per la one man band statunitense Feign, dietro alla quale c’è la mano del musicista del Maine Jacob Lizotte.

Se il black è il genere nel quale va incasellato di diritto Lost To Eternity, va detto che l’interpretazione che ne dà Lizotte va ben al di là di una sua riproposizione didascalica.
Già l’iniziale title track esibisce atmosfere sognanti delineate dalla chitarra, all’interno di una struttura ritmica tipicamente estrema: la traccia é oggettivamente splendida e riporta in qualche modo a quel cascadian black metal che proprio negli States ha preso piede qualche anno fa.
L’incipit della successiva Moonlit Passageway presenta ancora di più quelle sfumature post metal che vanno a comporre questo tipico quadro compositivo, per un risultato finale ugualmente convincente
L’intensità mostrata nelle due tracce precedenti cala leggermente con la conclusiva Souls Whisper solo perché, nella prima metà, Jacob tiene fede al titolo in quanto opta per un sussurro in vece del suo aspro screaming, che riprende campo comunque in seguito, sempre inserito in un contesto poco convenzionale e con un occhio costantemente rivolta alla melodia.
Lost To Eternity è una prova davvero di buona qualità che, se replicata in un formato più lungo, potrebbe rendere il monicker Feign qualcosa di ben più importante rispetto a quello di una (per ora) misconosciuta one man band d’oltreoceano …

Tracklist:
1. Lost to Eternity
2. Moonlit Passageway
3. Souls Whisper

Line-up:
Jacob Lizotte – Everything

FEIGN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Samsara – Charon’s Lullaby

I Samsara offrono tre quarti d’ora di death doom atmosferico di eccellente pregio; Charon’s Lullaby trova il suo fulcro in due lunghe tracce lungo le quali melodie struggenti si inseguono senza soluzione di continuità, sostenute da un comparto ritmico comunque robusto.

Arð – Untouched by Fire

Se da un lato viene meno il sempre stuzzicante effetto sorpresa, dall’altro emerge prepotentemente la soddisfazione di poter inserire nel gotha del genere un nome come quello degli Arð, con la prospettiva di poter godere anche in futuro di ulteriori lavori dalla qualità inattaccabile come Take Up My Bones e Untouched by Fire.