iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Exterminas – Dichotomy

Gli Exterminas, con Dichotomy, offrono davvero una bella prova, nella quale la pressoché inevitabile adesione agli stilemi del genere viene abbondantemente compensata dalla convinzione e dalla perizia con la quale è stata affrontata.

Exterminas – Dichotomy

Con un certo ritardo rispetto alla sua uscita (il materiale da ascoltare e recensire aumenta a dismisura e, purtroppo, ogni tanto ci si perde per strada qualcosa) , andiamo ad esaminare il secondo full length dei blacksters trevigiani Exterminas.

Affondando le proprie radici nella matrice nordica del genere, come sovente accade alle band del nostro nord est, il black metal esibito in questo lavoro gode quindi di un interpretazione piuttosto ortodossa, ma non per questo da sottovalutare.
Dichotomy spicca intanto per una buona produzione, tenendosi così alla larga da certe rese sonore caotiche che spesso affliggono album di questo tenore; inoltre i nostri, pur rinunciando ad arricchire il sound con delle prevedibili tastiere, riescono a costruire un buon tappeto melodico grazie al lavoro delle chitarre, mantenendo nel contempo la purezza di fondo del genere.
Ne deriva così un assalto sonoro controllato come Dichotomy, un’opera invero piuttosto matura e che non appare mai monolitica, pur non lasciando quasi mai spazio ad eccessive digressioni; fa eccezione in tal senso un brano molto riuscito come Wandering from the Death’s Shore, un black/doom dalle sfumature quasi stoner offerte dagli inserti di chitarra solista.
Il resto della tracklist (nella quale brilla una traccia micidiale come Collapse into Time) è invece, come detto, all’insegna di un impatto piuttosto robusto e diretto, tra brani più cadenzati ed altri che si avvalgono di umori death, riscontrabili sia in certe soluzioni strumentali sia, soprattutto, nello stile vocale che predilige di gran lunga il growl allo screaming: gli Exterminas, con Dichotomy, offrono davvero una bella prova, nella quale la pressoché inevitabile adesione agli stilemi del genere viene abbondantemente compensata dalla convinzione e dalla perizia con la quale è stata affrontata.

Tracklist:
1. God’s Hammer
2. Unleashing the Cruelty
3. Collapse into Time
4. Swallowing the Gravity
5. Upheaval Seems Anathema
6. Wandering from the Death’s Shore
7. In Apotheosis of Pandemonium
8. The Dawn of Deceit

Line-up:
Skoll – Bass
Raven – Drums
Moloch – Guitars
Februus – Vocals
Eskathon – Guitars

EXTERMINAS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico