Evolvent – Whatever Happens

Evolvent – Whatever Happens

Secondo lavoro per i francesi Evolvent, band symphonic gothic metal dalle buone potenzialità.

Nel campo del symphonic metal si è già detto tutto o quasi ed è normale che, in un genere alquanto sfruttato da centinaia di band in ogni parte del globo, trovare spunti di originalità risulti praticamente impossibile; ecco allora che diventano importanti altre sfumature, dettagli che fanno di un album derivativo una buona occasione per ascoltare musica che piace, aldilà del fatto che la band sia storica o meno.

Personalmente, negli ultimi tempi ho trovato i lavori dei gruppi più famosi un po’ forzati, mentre, pur con tutti i richiami del caso ad opere di successo, le giovani band che si affacciano sul mercato hanno insite quella fame e quella freschezza che danno un quid in più alle proprie opere.
Prendendo per esempio questo Whatever Happens dei francesi Evolvent ci si può imbattere in un symphonic gothic metal di maniera, ma composto da ottimi brani che, senza raggiungere picchi clamorosi, può sicuramente rivelarsi un ottimo ascolto per gli amanti di tali sonorità.
La band parigina, nata nel lontano 2004, è al secondo lavoro sulla lunga distanza, inframmezzato da due mini cd (“Spiritual Confession” del 2008 e “Human Instinct” del 2014) che in qualche modo hanno fatto da apripista per “Delusion”, primo album del 2011 e questo secondo lavoro .
La voce femminile spadroneggia su tutti i brani, con tonalità da soprano come da copione, ed Emma Elvaston si mostra così ottima interprete delle digressioni sinfoniche del gruppo, che si muove nei confini tracciati dalle band nordiche, storiche protagoniste di un genere che continua a mietere vittime tra gli appassionati più orientati a melodie dalle tinte oscure; gli spunti orchestrali, a tratti elettronici, creano brani che scivolano sul letto di un fiume coperto di petali, dove il metal galleggia sopito in un dolce sonno gotico e attraversa foreste ricoperte di un lieve strato operistico.
Gli Evolvent mantengono il sound su coordinate mai troppo spinte ma eleganti, non troppo bombastici come va di moda di questi tempi, ma dolci melodie che si inaspriscono quando è la sei corde a prendere il comando delle operazioni, per quasi tutto il lavoro in mano ai tasti d’avorio, ottimi inserti pianistici che accompagnano la cantante in questa sognante passeggiata nel gothic sound.
Molto belle Love Doesn’t Love Me, Over Seasons & Time, la più Nightwish del lotto, e la title track, esempi di come in Whatever Happens la materia venga trattata con raffinato talento (dote che nei parigini è innata), consentendo che le influenze escano allo scoperto senza lasciare per forza un alone di già sentito.
Buon secondo lavoro, dunque, che merita un ascolto da parte degli appassionati di queste sonorità.

Tracklist:
1. Dawn
2. Win or Die
3. Hurricane
4. Love Doesn’t Love Me
5. Our Fate
6. We Are
7. Over Seasons & Time
8. Embrace
9. Whatever Happens
10. Siempre

Line-up:
Sébastien Latour – Keyboards, Piano
Emma Elvaston – Vocals (female)
Clément Botz – Guitars
Fred Artale – Drums
Matthieu Gimenez – Bass

EVOLVENT – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.